Invalido fuori casa per occupanti abusivi, lo sdegno della politica

LA SPEZIA- La notizia del cittadino spezzino invalido rimasto fuori casa perché ha trovato l’appartamento occupato da una famiglia extracomunitaria ha suscitato forte indignazione.

La consigliere regionale della Lega Nord Stefania Pucciarelli ha scrritto al Questore, al Comandante di Vigili, al Sindaco, all’Amministratore di Arte e al Prefetto di Spezia affinché questa incresciosa situazione venga risolta al più presto.
«Purtroppo non si tratta del primo caso – spiega Pucciarelli – e se continuiamo in questo modo non sarà neppure l’ultimo. E’ davvero vergognoso che un legittimo assegnatario di un alloggio di edilizia residenziale pubblica, solo perché per qualche giorno si è assentato dalla propria abitazione, si trovi sbattuto fuori dall’appartamento da famiglie che abusivamente se ne appropriano. Un paio di mesi fa una situazione analoga si verificò nel quartiere del Favaro, oggi è il caso di questo cittadino diversamente abile che vive regolarmente da diversi anni nelle case popolari di Via Napoli, ma domani sarà il caso di qualcun altro». 

Francesco Battistini, consigliere regionale MoVimento 5 Stelle, scrive di aver presentato una interrogazione, in Regione Liguria, che parte dal caso specifico per aprire una discussione che possa tentare di porre fine a simili atti di prevaricazione, fornendo, se necessario, ulteriori strumenti alla Forze dell’Ordine e contemplando anche un programma di edilizia sociale e a canone calmierato che possa rispondere, più efficacemente, alle crescenti necessità abitative di chi si trova economicamente in difficoltà. La Costituzione Italiana,  scrive ancora Battistini, all’Articolo 14, comma 1, sancisce l’inviolabilità del domicilio ed il Codice Penale, all’Articolo 614 punisce chiunque si introduca nell’abitazione altrui, o in un altro luogo di privata dimora, contro la volontà, espressa o tacita, di chi ha il diritto di escluderlo. Il Codice Penale, inoltre, all’Articolo 633, punisce chiunque invada arbitrariamente terreni o edifici altrui, pubblici o privati, al fine di occuparli o di trarne altrimenti profitto.

Si tratta, quindi, di una situazione di illegalità e come tale va trattata; su questo inteviene anche Alternativa Tricolore, che afferma: “L’occupazione abusiva di una legittima abitazione  è un reato perseguibile ai sensi della legge che deve essere applicata a prescindere dalle etnie degli occupanti abusivi.Alternativa Tricolore chiede al Sindaco Federici e all’Assessore competente che la legge venga applicata con lo sgombero immediato dell’appartamento,che vengano verificate le condizioni di salute fisica e psichica del proprietario che in segno di protesta ha iniziato lo sciopero della fame   al quale esprimiamo la nostra solidarietà”.

 

Advertisements
Annunci
Annunci