Allarme processionaria a Fossitermi: i cittadini chiedono l’intervento di Comune e Asl

LA SPEZIA– Nel quartiere di Fossitermi è tornata la processionaria: a lanciare l’allarme sono gli abitanti della zona, preoccupati per la presenza della thaumetopoea pityocampa, lepidottero le cui larve sono dotate di peli urticanti che possono costituire un pericolo per l’uomo e per gli animali; dando luogo, in alcuni casi, a gravi reazioni allergiche alla pelle, agli occhi e alle vie respiratorie. Attacca diverse specie di pino, con predilezione per il pino nero e il pino silvestre. Più raramente infesta larici e cedri. “Qualche anno fa l’Amministrazione comunale aveva provveduto a disinfestare gli alberi ma, da qualche giorno, con l’arrivo della primavera, il fenomeno si è riproposto, con la presenza di lunghe file di processionarie che attraversano marciapiedi, scalinate e parcheggi” – scrive il Comitato di Fossitermi in una lettera indirizzata a Comune e ASL. Infatti, tra febbraio e inizio aprile le larve mature abbandonano i caratteristici nidi sericei intessuti sui rami dei pini e scendono lungo i tronchi in fila indiana (in “processione”, da qui il nome) per andare a cercare un luogo adatto nel terreno in cui incrisalidarsi. “I pini presenti – concludono i cittadini – essendo purtroppo il loro habitat, si stanno nuovamente riempiendo: chiediamo all’Amministrazione comunale e alle autorità competenti di provvedere, con urgenza, ad accertarne la presenza e alla disinfestazione degli insetti e, nel periodo più idoneo, alla distruzione dei nidi e alla bonifica delle piante”.

(Francesco Munari)

Advertisements
Annunci
Annunci