Monia Bruschi se ne è andata a soli 42 anni: il ricordo commosso dell’IPASVI

LA SPEZIAMonia Bruschi è deceduta dopo una feroce malattia che in pochi mesi si è imposta sulla sua fibra.
Monia, che lascia un marito e un figlio, Simone, di soli 4 anni, avrebbe compiuto 42 anni a maggio; lavorava da qualche anno come responsabile del servizio logistico alberghiero per la struttura professioni sanitarie della ASL 5.
In precedenza, appena laureata in Infermieristica nel 1997, aveva lavorato a Pisa e, giunta nel nostro ospedale cittadino, era stata inserita nel servizio 118, dove lavorava come Infermiera in centrale operativa e nel soccorso extraospedaliero.
In seguito, non aveva mai smesso di curare la propria formazione, sempre. Infatti, oltre a quello di coordinatore, aveva conseguito dei traguardi formativi non comuni: era infatti in possesso di una laurea specialistica (ottenuta fra le più giovani di sempre) ed un master di 2° livello in organizzazione e management delle aziende, un titolo ancora molto raro fra gli Infermieri del nostro Paese.
Monia è stata per anni una apprezzata docente del corso di Laurea in Infermieristica del polo formativo
spezzino, per l’Università di Genova: sono molti i messaggi che i suoi studenti stanno lasciando sui social, nel suo ricordo. Il Collegio Infermieri spezzino, e la intera comunità professionale, la ricordano con un affetto e un rimpianto
infinito. Tutti i colleghi della struttura professioni sanitarie desiderano ringraziare tutti quelli che in questi mesi sono
stati vicini a Monia, in particolare, fra gli altri, la dottoressa Decia Carlucci per la straordinaria umanità e
per il prezioso aiuto e sostegno dimostrati senza risparmi; e gli Infermieri della medicina spezzina che sono
stati eccezionali.

(IPASVI La Spezia)

Advertisements
Annunci
Annunci