Quartieri del Levante: “No ai Pensionati Presidente per l’Autorità Portuale”

LA SPEZIA- La legge “Madia” sulla riforma delle Autorità Portuali precisa  un requisito importante: non si possono riconfermare i Presidenti  che siano già in pensione, e questo vale anche per il nostro Porto. Ma come al solito “fatta la legge”qualcuno prova ad aggirarla con emendamenti ad hoc al testo di legge che fa in modo che anche chi è in pensione può essere riconfermato (Qualcuno di voi ricorda le leggi “ad personam”di cui si accusava Berlusconi).
Eccoci alle solite, emergono i tentativi di restare incollati alle careghe (come si dice a La Spezia) adducendo motivazioni di pubblica utilità e di consolidata esperienza tutte favole per non rimetterci un notevole guadagno mensile. E vogliamo parlare di rinnovamento negli assetti dei nuovi sistemi portuali quando nemmeno il nostro porto (La Spezia e Carrara insieme) è in regola con la nuova legge?

Questo problema del Pensionato Presidente contenuto nella riforma dei porti del Ministro Del Rio vale anche per noi e per questo, per non cedere il posto, si decide di richiedere un emendamento che, se passerà in Parlamento, farà sì che anche chi nella nostra città ha rotto la coesione fra le istituzioni, Comune e Autorità Portuale, e con i cittadini, in particolare quelli del Levante, possa rimanere impunemente al suo posto.

Per i Quartieri Del Levante Franco Arbasetti e Rita Casagrande

Advertisements
Annunci
Annunci