Guerri: “Spezia ostaggio del Pd, Federici si dimetta”

LA SPEZIA– “Ancora una volta emerge in modo plateale la totale inadeguatezza di questa amministrazione comunale, la quale, negli anni che ha avuto a disposizione, ha saputo fare solo dei danni alla città e peggiorare, con grande sperpero di denaro pubblico e proliferazione di disagi e disservizi, le condizioni di vita degli spezzini. Oggi di fronte alla città la giunta Federici conferma tutta la sua natura: un’accozzaglia di correnti politiche in perenne fibrillazione per nomine e poltrone e che hanno fino ad oggi trovato il loro unico collante nel comune interesse alla conservazione del potere. Nel più totale disinteresse verso i problemi dei cittadini e la dignità delle istituzioni. E’ evidente come il Pd, in vista del proprio congresso interno, tutto impostato in funzione delle prossime elezioni, non si faccia alcuno scrupolo ad usare la dimensione amministrativa come propaggine delle proprie lotte fra bande, passate dal conflitto strisciante ad una guerra senza esclusione di colpi. Nel frattempo la comunità spezzina, ostaggio di questa classe politica incapace, incompetente e allo sbando, continua ad essere vittima dei disastri a cui essa stessa la sta condannando: dagli scempi di Piazza Verdi e Piazza Europa allo stato di abbandono delle periferie, dalla riapertura di discariche ai rincari tariffari (primo tra tutti quello dell’acqua), passando per tutte le piaghe irrisolte, anzi sempre più gravi, che riguardano la nostra situazione economico-occupazionale, il nostro ambiente, la nostra salute e la nostra sicurezza. A questo punto Federici – a cui ho già chiesto da tempo di andarsene a casa per il bene della città – deve presentarsi dimissionario al prossimo Consiglio Comunale. Se così non sarà il gruppo “Per la Nostra Città” è pronto a presentare, confidando nell’adesione di tutte le opposizioni, una mozione di sfiducia affinché questa giunta del Pd esca al più presto di scena.”

Giulio Guerri, Lista Civica “Per La Nostra Città”
Advertisements
Annunci
Annunci