Maltempo, mattinata di interventi per i Vigili del Fuoco. Problemi anche in Lunigiana e sulla “Cisa”

LA SPEZIA– Le precipitazioni delle ultime ore sono state ovunque di intensità debole e i quantitativi osservati sono stati al più significativi sul centro-Levante della regione (Viganego 21 mm/6ore). “Localmente – fa sapere Arpal i valori massimi osservati nelle ultime 24 ore hanno superato i 100 millimetri in alcune stazioni (Statale di Ne 136.2 mm, Reppia 126.2 mm, Borzone 101.4 mm, Montagna 109.6 mm e Torriglia 101.4 mm); mentre diverse altre sono prossime al superamento di tale valore

In conseguenza delle piogge della notte, sono transitati i picchi di piena dell’Entella, del Vara e del Magra alla foce, con i massimi livelli che si sono mantenuti al di sotto dei livelli di guardia.

Nel frattempo, sta rientrando nella normalità l’attività delle squadre dei Vigili del Fuoco impegnate in tutta la provincia della Spezia che, nella mattinata odierna, hanno svolto circa una decina di interventi dovuti alle piogge e al forte vento della scorsa notte per lo più per alberi e rami, anche di grandi dimensioni, caduti su cavi elettrici o strade delle zone collinari della Spezia, della Val di Vara e ad Arcola, ma anche numerose tegole e lastre di ardesia rese pericolanti dal vento. Alcuni smottamenti si sono avuti invece sulle strade provinciali della Lunigiana (specie lo zerasco), senza comunque causare interruzioni alla viabilità. Problemi anche sull’Autostrada della Cisa – A15 (Parma – La Spezia), dove le copiose nevicate che dal pomeriggio di ieri hanno interessato l’Appennino hanno creato alcuni disagi nel tratto compreso tra Pontremoli e Borgotaro.

(Francesco Munari)

Advertisements
Annunci
Annunci