Ripa, Andrea Costa (NCD-Area Popolare): “Fondamentale il ruolo della Regione Liguria”

LA SPEZIA- La “questione Ripa” torna nuovamente al centro del dibattito politico: durante l’incontro “Viabilità locale e logistica nel contesto ligure-toscano”, organizzato lunedì sera a Santo Stefano Magra dall’Associazione “Da Porta Nord alla Brina”, fondata dall’ex Consigliere comunale Paola Lazzoni, il Consigliere regionale di NCD-Area Popolare Andrea Costa ha ribadito il ruolo fondamentale giocato dalla Regione Liguria nella parziale risoluzione della controversa vicenda legata all’interminabile chiusura che ha interessato la provinciale 31 tra Fornola e Bottagna. Ruolo contestato, a più riprese, dai Consiglieri regionali del Partito Democratico Raffaella Paita e Juri Michelucci e dal Segretario PD della Val di Vara Giorgio Casabianca (ex Assessore provinciale alla Viabilità), i quali hanno accusato la Giunta Toti di aver impegnato tempo e risorse per ottenere la metà dei risultati che, in altrettanti cinque mesi di chiusura del tratto di strada, tra il 2010 e il 2011, ottenne il precedente Governo Burlando; rivendicando l’operato dell’ente Provincia negli ultimi anni.

“La Provincia, di fronte a questa ennesima emergenza, si è dimostrata impotente. La Regione, con grande senso di responsabilità, ha messo a disposizione oltre 500.000 euro: questo ha reso possibile l’apertura a senso unico alternato, che ha dato un po’ di respiro al territorio – ha spiegato Andrea Costa in un’intervista rilasciata questa mattina a LaSpeziaOggi.itLa strada della Ripa deve essere mantenuta, senza che sia assolutamente messa in contrapposizione con altre soluzioni. La progettazione di messa in sicurezza definitiva è già a buon punto: una volta conclusa questa fase, saremo presto in grado di avere anche una quantificazione economica per ricercare i finanziamenti necessari. L’obiettivo del progetto – prosegue Costa – è quello di attuare una soluzione che metta la Ripa definitivamente in sicurezza, in modo da evitare di spendere tante risorse quante quelle spese in questi anni che, alla fine, non hanno prodotto nulla; perché oggi siamo punto e a capo, con una viabilità non sicura e soggetta a continue chiusure e disagi per i cittadini e per il territorio.

(Francesco Munari)

Advertisements
Annunci
Annunci