Comitato Sarzana che botta: l’assessore Baudone tenta di confondere le carte

L’assessore Massimo Baudone tenta di confondere le carte. Il progetto di Rete ciclabile ligure, finanziato per il tratto sarzanese dalla Regione con 530 mila euro di fondi europei e dal Comune con circa 130 mila euro, essendo definitivo, perché così prescrive l’Europa, non ha linee tratteggiate, ma una linea arancione continua, che dal piazzale dello Stadio raggiunge il guado del Calcandola attraverso il filare di cipressi. Esattamente il percorso della nuova via Paradiso. Baudone ha affermato che “Ruocco e tutti gli altri” sapevano e che la giunta “non ha omesso nulla”. E’ senza pudore. I giornali non sapevano nulla. Ruocco “e gli altri” lo hanno scoperto con i metodi d’indagine giornalistica, partendo dal cartello sul greto del Calcandola, che indica “Rete ciclabile ligure”. Poi Ruocco mercoledì 17 si è recato in Comune per verificare, come è suo costume, il progetto allegato alla delibera di giunta, dopo che “gli altri” lo avevano scaricato dal sito della Regione. Lì era presente Baudone, l’ingegner Donati e l’architetta Tornabuoni. La sola cosa che ha saputo dire l’assessore è stata: “Ora mettono i cartelli senza dirci nulla”. In quella sede gli è stato detto che stavano studiando un percorso alternativo sul ponte di via Falcinello. Ma anche di questo abbiamo riferito in conferenza stampa e nell’articolo sul sito del Comitato (www.sarzanachebotta.org).
E’ da mesi che Cavarra e Baudone ci accusano sui giornali di disinformazione: sul Palahockey nel PRG, sulla violazione dei decreti Lunardi e sulla sicurezza degli stadi. Per poi ammettere a denti stretti alla Bocciofila che è tutto vero. Chi fa disinformazione?
Infine Baudone, come un calciatore disperato lancia il pallone in tribuna, la butta in politica. Il Comitato sarebbe una costola del 5 Stelle. Noi abbiamo provato a interloquire con l’Amministrazione. Abbiamo presentato l’alternativa per via Paradiso il 4 giugno 2014 con posta certificata. Per Statuto comunale ci doveva una risposta entro sessanta giorni. Silenzio. Allora ben venga il consigliere 5 Stelle Battistini che ci invita a un sopralluogo e l’assessore Giampedrone di Forza Italia che ci riceve. L’amministrazione continui ad ascoltare i “signorsì” e a nascondere i suoi pasticci (Sarzana Patrimonio, piscina, sottopasso di via Murello, 33 alloggi di edilizia sociale del Botta, Tavolara ecc. ecc.). E la chiami pure partecipazione

Advertisements
Annunci
Annunci