Interpellanza del consigliere 5 stelle Valter Chiappini al Comune di Sarzana sul Museo multimediale delle fortificazioni

SARZANA– Tutto è bene quel che finisce bene. Se finisce, nel senso che la vicenda travagliata del Museo multimediale sembra proprio destinata a un continuo rincorrersi di interpellanze, attenzioni della stampa, rinunce, ripensamenti, modifiche del bando, proroghe, interrogazioni in consiglio comunale. In prima linea nel denunciare le lungaggini e forse anche l’insensatezza di un progetto museale che potrebbe costare molto alla comunità sarzanese che rinuncia uno dei suoi spazi più interessanti per farlo diventare museo ad alta vocazione didattica è il MoVimento 5 Stelle, in particolare il consigliere Valter Chappini. Dopo aver esposto già un anno fa in Consiglio comunale le perplessità sue e del suo gruppo politico sulla scelta culturale (ed economica) del Comune che ha ereditato dalla Provincia l’onere della realizzazione del progetto tramite gli uffici dei lavori pubblici, ora i 5 Stelle tornano sull’argomento per verificare lo stato delle cose. Se la ditta che ha eseguito i lavori, la ETT di Genova, ha consegnato il Museo e quindi rendicontato al Comune entro i termini richiesti dunque il 31 dicembre, allora il Comune ha da un mese il Museo già pronto chiavi in mano, ma non lo ha fatto sapere a nessuno; normalmente le amministrazioni strombazzano ai quattro venti le notizie che mostrano le loro “buone pratiche”.

Sarà per questo che il consigliere Chiappini fa un’interpellanza diretta all’assessore Sara Accorsi per chiedere notizie in merito a questa consegna, conferma se i lavori sono stati terminati come da contratto, se sono stati eseguiti i previsti collaudi e/o verifiche. Ma soprattutto chiede lumi circa l’orientamento deciso dal Comune sulla gestione e direzione futura. Ovviamente considerato tutto il rumor che c’è stato dietro questo Museo, sarebbe auspicabile una soluzione trasparente come un bando che vada a identificare un esperto storico e multimediale che è lo specifico del Museo su cui il Comune di Sarzana sta investendo.
Gira però, già voce di una possibile nomina dell’ex assessore alla cultura Stefano Milano. Ci domandiamo se allora l’attesa riguardi più che la scelta del nome delll’esperto di musei multimediali, l’orientamento che uscirà dal congresso del PD. Speriamo però che almeno questa volta nella nomina culturale la politica resti fuori.

Advertisements
Annunci
Annunci