“Da quanto tempo la polvere nera si posa sui davanzali delle finestre e su tutte le superfici bianche?”

LA SPEZIA– Sono anni che i cittadini del Levante denunciano tale fenomeno, che pare aver colpito la zona solo negli ultimi 10 giorni: beninteso, giusto denunciare e protestare, ma anche ricordare.
Qualche anno fa le Associazioni e i Comitati avevano deciso, con i cittadini, di esporre lenzuola bianche alle finestre affinché fosse possibile analizzare di che polveri si trattasse a da dove provenissero.

Cosi’ fu fatto ed i risultati furono che l’inquinamento era causato,nell’ordine,da

  1. L’attivita’ portuale.
  2. L’enel
  3. I mezzi pesanti e il diesel
  4. E, ultimo, il traffico di via San Bartolomeo

Dopo reiterate richieste ci fu comunicato trattarsi di polveri grosse, ma che le più pericolose erano le polveri fini, non intercettabili, ma maggiormente dannose per la salute. Pare che a distanza di anni la cosa si ripeta: oggi come allora l’Enel ne ha certamente colpe, ma non solo lei. Sono anni che i cittadini del Levante chiedono maggiori controlli,  ma soprattutto chiedono di conoscere i dati, la qualità  e la quantità di elementi chimici dannosi per la loro salute e per quella di tutta la città: non solo, chiedono anche di conoscere i dati relativi all’inquinamento acustico che diviene sempre più insopportabile.
Sarebbe facile, se volessero farlo: basterebbe tenere le centraline sempre in funzione (non sempre guaste) e mettere i risultati nei tabelloni in alto in modo che tutti li possano vedere.

Per i quartieri del Levante

Franco Arbasetti e Rita Casagrande

Advertisements
Annunci
Annunci