Sinistra dei Valori: Piazza Verdi, biasimiamo il comportamento di Federici

LA SPEZIA– Apprendiamo dagli organi di stampa che la Procura spezzina ha archiviato l’indagine sull’utilizzo “improprio” dei fondi Enel, con la seguente motivazione: “la convenzione socioeconomica tra Enel e Comune non ha nulla a che vedere con azioni di risarcimento a fronte di un accertato danno ambientale, né con il procedimento per il rilascio dell’autorizzazione alla centrale Enel”.

Premesso che il nostro gruppo politico è sempre stato dell’idea che i provvedimenti  dell’autorità giudiziaria si rispettano, non possiamo esimerci dal biasimare il comportamento del Sindaco Federici e la sua giunta che è comunque moralmente colpevole di non avere utilizzato quei fondi stanziati dall’Enel per mitigare i “danni ambientali” nei quartieri cittadini più esposti all’inquinamento, decidendo unilateralmente di destinarli alla copertura dei maggiori costi del cantiere di Piazza Verdi, così come è moralmente colpevole di non avere ottemperato a tutta una serie di adempimenti che elementari principi di prudenza avrebbero dovuto dettare nella gestione del rifacimento della piazza:

  • richiesta di VIA (valutazione impatto ambientale)
  • inchiesta archeologica preventiva sulla pavimentazione del teatro Politeama
  • disposizioni del Codice dei beni culturali e del paesaggio
  • problemi di sicurezza per la presenza di “elementi sensibili”: scuole, prefettura, poste
  • l’esecuzione in lotti (durata cantiere prevista 2 anni, previsione come si vede errata ) rendeva problematico l’utilizzo della piazza da parte di cittadini e attività commerciali
  • totale mancanza di partecipazione della cittadinanza al processo decisionale

Il risultato di queste mancanze è sotto gli occhi di tutti: continui ritardi nei lavori, lievitazione esponenziale dei costi, enormi disagi alla cittadinanza, pericolo di incolumità derivante dall’attraversamento degli autobus, taxi, ambulanze in un area parzialmente pedonale, in prossimità delle alle scuole,  grave danno ai  commercianti  della piazza e zone limitrofe.

Tutte questi aspetti sono stati ampiamente denunciate ancor prima dell’inizio lavoro, ma sono rimasti lettera morta da parte di un’amministrazione sorda ed arrogante. 

(Il coordinamento Provinciale  Sinistra Dei Valori)

 

Advertisements
Annunci
Annunci