Libreria LIBeRI TUTTI, sabato 30 doppia presentazione

LA SPEZIA– Sabato 30 gennaio alle 18.30 presentazione doppia alla Libreria Liberi Tutti di via Tommaseo: Giuliana Balzano e Elisabetta Cozzani parlano dei loro libri, “Ci vorrebbe un dio per tutti” e “Parla con me, ti ascolto” (edizioni Leucotea).
Modera Enrico De Somma.

Ci vorrebbe un dio per tutti.
Paolo: genovese, quarantuno anni, sempre serio, impiegato di banca, metodico, single. Un pomeriggio è costretto ad accompagnare la madre Lucia in ospedale per far visita alla zia Teresa; nella stanza di degenza, dietro ad un paravento, la signora Enrica sta ricevendo l’estrema unzione. Paolo sopraffatto dalle emozioni, si sente venir meno e si dirige verso la finestra per respirare un po’ d’aria: in quell’istante qualcuno sposta il paravento e lo sguardo di Paolo incrocia quello della signora distesa sul letto; la donna gli sorride e lo saluta con la mano. In quel momento la vita di Paolo cambia. Perché quella donna gli ha sorriso? E chi è quella donna? Le sue certezze iniziano a venire meno ed un’idea, vecchia di vent’anni si ripropone. Già… ma cosa gli è accaduto vent’anni prima?

Parla con me, ti ascolto.
Mariolina Furletta svolge la professione di avvocato in una città della provincia italiana.
Ha trentasette anni, è affascinante, elegante, apparentemente lanciata nella sua carriera.
Vive in prossimità del centro, in una di quelle costruzioni anni settanta, alte, affiancate le une alle altre, quasi a sovrapporsi senza garbo né gentilezza; sorte per costipare gli spazi, contengono masse distratte, alcune persino astratte. Una sera di maggio, proprio quando l’aria sta assumendo il colore e il peso dell’incipiente estate, due anziani vicini, a lei noti solo per l’imbattersi estemporaneo e casuale nell’andito dello stabile, le piombano in casa e nella vita. Sconvolgendogliela. In questo pianeta intenso e pregno di desolazione qualcuno, in barba al convenzionale andazzo, muove piccole pedine, ignaro di avere appena dato vita ad una saga destinata a salvare il mondo.
Perché si sa, basta un’idea, un moto irrefrenabile in ascesa, per alimentare il cambiamento.

SABATO 30 GENNAIO ORE 18 copia

Advertisements
Annunci
Annunci