Comitato “Salviamo la Ripa”: “Riapertura parziale, battaglia vinta. Ora il progetto definitivo della galleria paramassi”

VEZZANO LIGURE– In vista della riapertura parziale a senso unico alternato, prevista per la settimana prossima, e all’indomani del sopralluogo dei tecnici all’interno del cantiere per constatare l’avvio verso la conclusione degli ultimi lavori, LaSpeziaOggi.it ha raccolto le impressioni “a caldo” che, in queste ore, circolano tra i componenti del Comitato cittadino “Salviamo la Ripa”, la cui Presidente e portavoce Adriana Incaviglia, ieri mattina, ha seguito, minuto per minuto, il giro di ispezione insieme alle autorità, per verificare l’effettivo avanzamento delle opere. “Sono molto contenta del traguardo raggiunto, tutti i nostri sforzi per arrivare ad una prima risoluzione di questa vicenda sono valsi la pena – racconta battagliera Adriana Incaviglia a scanso di equivoci, è bene sottolineare un dato di fatto, che qualcuno a volte dimentica: senza l’impegno del Comitato ‘Salviamo la Ripa’ non si sarebbe mai potuti arrivare a questo risultato, né tanto meno ad un interessamento da parte dei politici. La Ripa, probabilmente, non avrebbe più riaperto o, nella migliore delle ipotesi, sarebbero trascorsi altri mesi o addirittura anni prima di trovare una soluzione. Dal 17 agosto, giorno in cui ho fondato questo Comitato, dedicando ad esso tutta me stessa, abbiamo raccolto più di 1500 firme di protesta e adesione da tutta la provincia, ci siamo battuti ogni giorno per riavere la nostra strada e non ci siamo mai arresi, neppure di fronte a chi ci ha accusato di interessi personali e intrighi politici, ed ecco la realtà, vero frutto della volontà nel perseguire l’interesse di tutti i cittadini toccati da questo problema. Su questa vicenda – prosegue la Incavigliasiamo sempre stati uniti e compatti, è questa la nostra forza. Abbiamo mobilitato la stampa, l’opinione pubblica e la politica locale e regionale, a tutti i livelli, abbiamo cercato e preteso delle responsabilità, senza guardare in faccia a nessuno. Fin da subito, abbiamo chiesto di incontrare l’Assessore alle infrastrutture Giacomo Giampedrone che, grazie ai nostri esposti, si è fatto carico di garantirci l’intervento della Regione.

Della sua determinazione il gruppo non ha mai fatto mistero, né durante i suoi animati incontri pubblici né sui giornali. L’obiettivo è sempre stato uno solo: riaprire la Ripa, il prima possibile e in totale sicurezza. “Questa riapertura è una battaglia vinta per il nostro Comitato – racconta al telefono Daniele Bottero, membro del Direttivo di “Salviamo la Ripa” – questa notizia ci dà una spinta maggiore nel perseguire l’obiettivo principale di questa lotta, ovvero, la messa in sicurezza definitiva, con il progetto finale della galleria paramassi, che chiediamo fin dal primo giorno.” Dopo tante battaglie, i nervi si distendono e c’è spazio anche per dare il giusto riconoscimento a tutti coloro che, in questi mesi difficili, hanno lavorato sodo: “desidero ringraziare il Direttore dei lavori della Provincia Nicola Bologna, il Responsabile Provinciale del Settore Viabilità Gianni Benvenuto, il Geologo Carlo Malgarotto, il Collaudatore in corso d’opera Gianfranco Ratti, la Responsabile Provinciale del Procedimento Alessandra Tarabotto, il Progettista strutturale Paolo Ferrari e, naturalmente, il Sindaco di Vezzano Ligure Fiorenzo Abruzzo, per la loro gentile disponibilità nell’illustrarmi le fasi dei lavori, sia con competenza tecnica che con sensibilità umana. Ad un tratto – precisa la donna – ho scelto tuttavia di salutarli e andarmene, proprio per evitare loro eccessive ‘pressioni’ e permetterli di riunirsi e discutere in tutta tranquillità, ben comprendendo a quanta tensione sono stati tutti soggetti, specialmente in quest’ultimo periodo. Ora – conclude la leader di “Salviamo la Ripa” – attendiamo giovedì 28 gennaio, quando verranno svolti gli ultimi controlli con un elicottero sulla parte superiore del versante.

(Francesco Munari)

Advertisements
Annunci
Annunci