Genova nel mirino dei fascisti? Il giornalista Mark Covell scrive a Matteo Renzi

Il giornalista inglese Mark Covell, massacrato e ridotto in fin di vita alla Diaz nei giorni del G8 (la Corte dei Conti ha condannato i poliziotti coinvolti nel pestaggio a risarcirlo con 110.000 euro), ha scritto al premier Matteo Renzi: “Genova è nel mirino dei fascisti“, riferendosi all’iniziativa di Roberto Fiore, leader fondatore di Forza Nuova, che proprio a Genova sta organizzando un incontro internazionale di estrema destra.

Mobilizzeremo l’intero movimento anti-fascista italiano per opporci a questa dimostrazione se fosse autorizzata dal governo Renzi” scrive Covell, secondo il quale Fiore sarebbe “solo interessato a causare disordini pubblici. Ha vissuto a lungo in Gran Bretagna, lavorando con fascisti italiani e britannici per preparare il suo ritorno e rivitalizzare i fascisti italiani, mobilizzandoli in risposta a quanto accaduto a Parigi“. Secondo Covell l’iniziativa non è assolutamente da sottovalutare e il governo dovrebbe prendere l’eventuale dimostrazione a Genova molto seriamente.

Advertisements
Annunci
Annunci