Ripa, procedono i lavori. Possibile riapertura sabato 30 gennaio

LA SPEZIA– La Ripa, da cinque mesi, con le sue numerose problematiche, più che una strada sembra piuttosto un tunnel, incerto ed oscuro, in fondo al quale, da questa mattina, si inizia ad intravedere la luce: alle 12, una nuova riunione presso la Prefettura della Spezia tra il Presidente della Provincia Massimo Federici, l’Assessore Regionale alle Infrastrutture Giacomo Giampedrone, il Direttore di Cantiere e il Titolare della Ovas s.r.l. e il Consigliere Delegato alla Viabilità Provinciale Andrea Da Passano, alla presenza dei Sindaci di Vezzano Ligure Fiorenzo Abruzzo, di Follo Giorgio Cozzani, di Bolano Alberto Battilani, di Santo Stefano MagraJuri Mazzanti e di Aulla Silvia Magnani, ha abbassato i toni della polemica, facendo emergere l’effettivo impegno dell’azienda piemontese che, in questi ultimi dieci giorni, ha ripreso, con grande solerzia, le proprie attività. Al centro dell’incontro di oggi la verifica dell’andamento dei lavori che, in base a quanto constatato dai tecnici, soddisfano pienamente gli enti, tanto che la situazione sembra essere ritornata sotto controllo, scongiurando l’ipotesi di dover rescindere il contratto con l’impresa.

Così, mentre i lavori proseguono alacremente, nonostante la pioggia e il susseguirsi di allerte gialle, trapelano le prime date “ufficiose” e tutto lascerebbe presagire che, ben presto, potrebbero essere confermate come traguardi ufficiali. Come spiegano fonti della Provincia a LaSpeziaOggi.it, le prossime due settimane potrebbero essere quelle decisive: intorno al 20 gennaio, i lavori principali, ovvero quelli riguardanti le opere strutturali, dovrebbero essere conclusi ed entro la fine della stessa settimana dovrebbero giungere al termine anche i lavori secondari, che riguardano l’asfaltatura dei pezzi più compromessi, l’installazione di nuova segnaletica verticale e la verifica del corretto funzionamento dei cosiddetti “semafori intelligenti”; che gli operai, proprio in queste ore, stanno già provvedendo ad installare. L’ultima settimana del mese, infine, si dovrebbe procedere con i tanto attesi collaudi, seguiti dall’Ingegnere incaricato in corso d’opera Gianfranco Ratti: in caso di esito positivo, la provinciale potrebbe essere finalmente riaperta a senso unico alternato, con grande probabilità, la mattina di sabato 30 gennaio.

(Francesco Munari)

Advertisements
Annunci
Annunci