Madama Butterfly martedì 19 gennaio al Teatro Civico di La Spezia

LA SPEZIA – Dopo il sold-out ed il grande successo di pubblico registrato con il balletto “Cenerentola” con il Balletto di Mosca ad inizio anno, martedì 19 Gennaio 2016, alle ore 20,45, al Teatro Civico di La Spezia, va in scena Madama Butterfly, tragedia giapponese in due atti di Giacomo Puccini, su libretto di Luigi Illica e Giuseppe Giacosa. L’opera presentata al Teatro alla Scala di Milano nel 1904, sotto la direzione di C. Campanini, ottenne allora un clamoroso insuccesso, ma già pochi mesi dopo trovò a Brescia la sua definitiva consacrazione popolare.

Il dramma è incentrato essenzialmente sul personaggio di Butterfly: la geisha Cio-Cio-San, fragile e ingenua vittima di quel F.B. Pinkerton, tenente della marina americana che superficialmente infatuatosi di lei, la abbandona dopo fittizie nozze. Attorno alla protagonista ruotano altri personaggi minori, funzionali allo svolgimento della trama, come la cameriera Suzuki e il console americano Sharpless. Con loro, le figure più marginali e bozzettistiche del principe Yamadori e Goro, grottesco sensale di matrimonio.

La vicenda, ambientata a Nagasaki, in Giappone, all’inizio del secolo, ha la sua matrice letteraria nel racconto Madama Butterfly dell’americano J.L.Long, pubblicato nel 1898 e poi trasformato da Belasco, con la collaborazione dello stesso Long, nel dramma in prosa che Puccini vide rappresentato a Londra nel ‘900. Rapito dal fatalismo e dal fascino esotico di questo lavoro, il musicista si appropriò con entusiasmo del soggetto, pur sostituendo l’originale lieto fine con un finale di densa tragicità. Sfibrata dall’attesa, dalla miseria e dalla colpevole maternità, la Butterfly pucciniana assiste al ritorno di Pinkerton accompagnato dalla nuova moglie e sperimenta così il disinganno nella sua forma più cruda e distruttiva. A questo punto, scartando le facili soluzioni del ritorno al mestiere di geisha o delle nozze con il ricco Yamadori, la donna sceglie piuttosto il suicidio (secondo un codice d’onore già seguito dal padre). Butterfly entra così nel novero delle più grandi eroine d’opera: vittima sacrificale, di incomparabile intensità e purezza, che soccombe all’egoismo e alle convenzioni di una società falsa. Celebrata per la sua immediatezza e per la sua intensità lirica, Butterfly è anche l’opera con la quale Puccini avanza nel nuovo secolo con soluzioni musicali e drammaturgiche di indubbia modernità, sfruttando il colore esotico, che già cominciava ad essere un espediente usurato, per investigare sonorità del tutto personali. Perfetta nell’equilibrio tra vuoto e pieno, tra dramma e colore locale, tra canto spianato e tono di conversazione, questa “tragedia giapponese” resta una delle creazioni che coniugano l’innegabile carattere popolare con una raffinatezza che anche la critica non ha mai smesso di celebrare.

Nella versione che il Circolo Fantoni, grazie alla produzione internazionale con il Teatro di Milano e la Lugano Ballet Theatre, porterà in scena al teatro Civico si potranno ascoltare “voci” importanti sotto la direzione del Maestro Gianmario Cavallaro e la regia di Massimo Pezzutti.

Cio Cio San interpretata dalla soprano giapponese Hiroko Morita che senza dubbio ha il “phisique du rol”. Una cantante e un’attrice di valori non comuni. Grazie alla sua capacità interpretativa e la sua intelligenza musicale ha la forza di farci capire l’essenza stessa del dramma: la disperazione per la perdita della persona amata, la rinuncia a suo figlio e l’onore come unica soluzione finale.

Nei ruoli di Pinkerton e Sharpless, rispettivamente, Luigi Albani e Giorgio Valerio: artisti legati a doppio filo con il Teatro Alla Scala. Altri interpreti: Marina Ogii, Daniele Biccirè, Claudio Grasso, Carlo Torriani, Giovanna Aquilino e Angelo Lodetti. Coro e orchestra del Teatro di Milano.

Madama Butterfly è il secondo ed ultimo titolo lirico, dopo il successo ottenuto con il Barbiere di Siviglia dello scorso novembre, presente nel cartellone della Stagione di Opera e Balletto che il Circolo Fantoni in collaborazione con Al.Ba ed il Teatro Civico portano nella nostra città.

I prossimi appuntamenti saranno con l’operetta/musical “My fair lady” il 19 febbraio per concludere poi con la danza: “Carmen” il 3 marzo e “The Man” il 23 marzo.

Informazioni e prenotazioni: Teatro Civico tel. 0187757075 e Circolo Fantoni tel. 0187716106. Biglietteria on line: www.vivaticket.it oppure www.fantoniweb.it

Advertisements
Annunci
Annunci