Presentazione del volume “Giuseppe Bodrato-Ars Gratia Artis. Biogrfia di un artista” venerdì 27 al Canaletto

LA SPEZIA– Venerdì 27 novembre 2015 alle ore 17 presso la sede dell’Associazione caritativa “Foederis Arca”, Via Gianturco 121 (piano primo), La Spezia, verrà presentato un nuovo libro della scrittrice Chiara Bodrato dal titolo: “Giuseppe Bodrato – Ars Gratia Artis. Biografia di un artista”.
La presentazione sarà condotta da Giuseppe Rudisi (giornalista pubblicista) con la partecipazione della poetessa Francesca Croce e il critico d’arte Valerio P.Cremolini.
La nuova opera della prolifica autrice spezzina è una biografia dell’artista Giuseppe Bodrato: pittore, scultore, incisore e calcografo, insegnante di disegno meccanico nonché zio paterno dell’autrice.

Il pittore è nato a La Spezia nel 1886 dove ha trascorso buona parte della sua infanzia e giovinezza conseguendo nel 1919 il diploma in discipline artistiche all’Accademia di Belle Arti di Modena. Terminati gli studi inizia la sua vita artistica trasferendosi a Genova dove nascerà buona parte della sua produzione. Tra le sue opere più note: la lapide per i Caduti di guerra di Palazzo San Giorgio, una statua di Sant’Antonio che si trova nella Chiesa genovese di Santa Maria degli Angeli e moltissime opere commemorative. Morì nel 1956 a Torino, al rientro da una gita in Val d’Aosta tra le sue amate montagne.

Nonostante buona parte della vita del pittore Giuseppe Bodrato si sia svolta lontano dal Golfo spezzino il suo legame con la sua città natia non si era mai spezzato. Molto affezionato alla sua  famiglia di origine, ritornava spesso a trovare l’anziana madre, la sorella Margherita e gli altri fratelli, la nipote Chiara e gli amici.

E’ proprio dal legame del pittore con Spezia che il racconto della Bodrato prende le mosse. Ne viene fuori un ritratto letterario e anche storico della Spezia di fine secolo quando il padre di Giuseppe venne assunto in quel nuovo Arsenale che contribuì mirabilmente alla crescita della città, non solo da un punto di vista sociale ed economico ma anche urbanistico e culturale. Dalle pagine della Bodrato, attraverso le vicende, gli amori e i progetti del pittore e della sua famiglia, si respira, non solo la Spezia di inizio secolo, ma anche quella tra le due guerre e soprattutto la città degli anni bui dell’occupazione tedesca, quando la famiglia Bodrato, dalla loro casa affacciata sul golfo in Via dei Colli, scrutava con dolore quella città straziata in cui si accumulavano le macerie dei bombardamenti, il sangue delle esecuzioni e l’angoscia per i familiari lontani di cui non se ne conosceva la sorte.

L’autrice Chiara Bodrato è nata e cresciuta a La Spezia per poi soggiornare per molti anni in varie nazioni europee dove ha maturato quelle esperienze culturali e di vita che hanno poi ispirato la sua ricca e recente produzione letteraria. Da alcuni anni vive nel quartiere del Canaletto dove dirige amorevolmente l’associazione caritatevole Foederis Arca. Tra le sue opere letterarie più note, oltre “i Racconti Spezzini (Piemme, Casale M., 1999)” spicca una trilogia di romanzi interamente dedicati al periodo bellico spezzino “L’Ultima Fuga” (2007), Le Querce di Mambre (2009), Redde Rationem (2010). Successivamente, per le Edizioni 5 terre, ha curato due raccolte di racconti: “I nuovi racconti spezzini vol. 1° e vol. 2°” dove, personaggi noti e meno noti della Spezia e del Canaletto, animano un susseguirsi di vicende anche esilaranti che si trasformano in un affresco ineguagliabile della Spezia, non solo dei nostri tempi. 

DSCN3198Con la biografia “Giuseppe Bodrato – Ars gratia artis” la Bodrato compie un ulteriore salto di qualità artistico che, inevitabilmente la conferma come una tra le scrittrici spezzine più prolifiche e illuminate di questo primo scorcio di secolo.

L’incontro è aperto al pubblico e il ricavato delle vendite del libro sarà devoluto che all’Associazione di aiuto per le persone in difficoltà “Foederis Arca”.

Advertisements
Annunci
Annunci