Storie di ordinario PD!

LA SPEZIA – Ormai non c’è giorno che il PD spezzino non ci stupisca con effetti speciali: dopo il sit-in in solitaria dell’ex assessore sarzanese alla sanità (ed ora consigliere regionale) Juri Michelucci che protesta contro la sua stessa decennale attività politica, ieri sera alla Spezia durante il Consiglio Comunale si è consumato un altro episodio della serie “predichiamo bene ma razzoliamo male”.

Nonostante il Consiglio Comunale abbia approvato negli ultimi mesi numerosi documenti che contrastano il dilagare di slot machines e videolottery, e anche se i compagni (perché vogliono ancora essere nominati così…) si fanno belli quando vincono ricorsi al TAR contro le sale slot …insomma, quando il gioco si fa duro, i compagni si dileguano.

E’ accaduto ieri sera durante la discussione di una mozione presentata dal consigliere Ferraioli (PD).
Il Partito Democratico ha mostrato tutta la sua ipocrisia votando a favore della mozione, ma bocciando gli emendamenti presentati dalle opposizioni ed un ordine del giorno del Movimento 5 Stelle che chiedeva espressamente di PROIBIRE NEI LOCALI DI PROPRIETA’ COMUNALE – CONCESSI IN COMODATO D’USO, AFFITTO O CONCESSIONE – L’INSTALLAZIONE E LA DETENZIONE DI APPARECCHI PER IL GIOCO D’AZZARDO, PENA LA RESCISSIONE DEL CONTRATTO. Ordine del giorno tra l’altro sottoscritto e votato anche dal Consigliere Maurizio Ferraioli (l’unico a cui va riconosciuto nella maggioranza il merito di portare avanti la lotta contro il gioco d’azzardo).
Ecco svelata la strategia della maggioranza: lotta dura alla ludopatia, ma a casa vostra.

Va inoltre ricordato che Il 4 novembre 2013 veniva discusso ed approvato (con 19 voti favorevoli, 4 astenuti e NESSUN VOTO CONTRARIO) un ordine del giorno del M5S che impegnava l’amministrazione a farsi promotrice di una messa al bando di questo tipo di intrattenimento nei Circoli socio culturali e ricreativi…
Anche di questo impegno pare si siano perse le tracce.

L’unico emendamento che è passato, grazie al “bisogno urgente” di un consigliere di maggioranza, probabilmente ancora risentito dei fatti accaduti lo scorso consiglio (le solite lotte interne), è quello del Consigliere Peserico controfirmato da M5S e Ferraioli che non riconosce agevolazioni, contributi e sponsorizzazioni ai circoli che possiedono slot.
Per una pipì Martin perse la cappa.

Coerenza, questa sconosciuta.

Carlo Colombini, Ivan Mirenda, Marcella Ariodante, Terenzio Dazzini

(consiglieri comunali M5S – La Spezia)

 
Advertisements
Advertisements
Advertisements