Infortunio sul lavoro sulla Vespucci. FIOM: “Basta con appalti al ribasso; vogliamo il rispetto assoluto delle norme di sicurezza”

LA SPEZIA – E’ di poco fa la notizia di un altro grave infortunio sul lavoro: Davide Verdina, 40 anni, lavoratore della ditta Siman, è stato colpito alle mani da un portellone mentre lavorava a bordo della Vespucci in Arsenale.  Trasportato di urgenza all’Ospedale, a ora risulta che l’uomo abbia perso 4 dita di una mano.

Sull’accaduto interviene la segreteria FIOM CGIL provinciale: “Ancora un infortunio sul lavoro: in un anno è già il secondo episodio su navi militari, per fortuna questo ultimo non mortale, ma comunque di estrema gravità. Pretendiamo dalla Marina il massimo rispetto delle norme di sicurezza e che vigili con attenzione assoluta sulle procedure adottate dalle ditte appaltatrici. E diciamo basta a questa logica perversa dell’appalto al ribasso: una pratica che, oltre la qualità del lavoro, abbassa considerevolmente i livelli di sicurezza in nome di un’idea di competitività basata esclusivamente sullo sfruttamento del lavoratore. Come FIOM esprimiamo la massima solidarietà al lavoratore colpito e alla sua famiglia, e diciamo fin da ora che saremo al suo fianco, anche attraverso le vie legali, per vedere riconosciuti in pieno i suoi diritti.”

Advertisements
Annunci
Annunci