Quartieri del Levante: “Chi fa il Sindaco realmente nella nostra città?”

LA SPEZIA– Continuano incessanti i tam tam dell’Autorità Portuale spezzina che utilizza parte della stampa cittadina,sempre pronta a riportare notizie e pubblicare annunci (a senso unico quasi fosse a servizio di questa istituzione, solo nominativa e non eletta dai cittadini).
Un’autorità portuale che esonda dal ruolo istituzionale con finalità poco comprensibili e sembra  che il Sindaco, eletto dai cittadini, e la Giunta siano rassegnati ad essere scavalcati da un’Autorità Portuale che sfoggia spesso dati anomali sull’occupazione portuale e che sventola a destra e a sinistra promesse di sviluppo e di ulteriore occupazione futura senza accennare minimamente alla salvaguardia dell’ambiente,alla sostenibilità ambientale che è oggi  per la città la cosa più importante e decisiva sia per la difesa del nostro golfo e per salvaguardare la sua vocazione turistica.

Noi siamo quasi certi che lo sviluppo ed il lavoro non possano transigere,per uno futuro positivo, da un progetto dove l’ambiente giochi un ruolo fondamentale e che per questa ragione non si debba accentuare il conflitto tra vita e salute e dall’altra parte il lavoro.

Il Sindaco con la sua giunta ed il consiglio comunale ”non possono rassegnarsi ad essere ostaggio dei poteri forti” e non possono accettare il sovradimensionamento del porto commerciale che sarebbe la morte per il nostro golfo sia nel mare che nella costa,ed una grossa ipoteca sulla salute dei cittadini spezzini.

Con la presenza di questa Autorità Portuale,che evita di continuo il confronto con la società civile e con la città, emergono sempre maggiori difficoltà per la costruzione di un futuro positivo nel nostro territorio per cui ci pare chiaro che necessiti una discontinuità di intenti per uscire dalla vecchia strategia dell’emergenza realizzando insieme una programmazione ed un progetto serio e partecipato.

(Rita Casagrande e Franco Arbasetti, Coordinamento Quartieri del Levante)

Advertisements
Annunci
Annunci