Comitato Piazza Verdi: “Vi spieghiamo perché non abbiamo colpa dei ritardi del cantiere”.

LA SPEZIA– Si è svolta questa mattina la conferenza stampa indetta dal Comitato Piazza Verdi, rappresentato da Massimo Baldino e Anna Maria Monteverdi, e da Legambiente, per la quale era presente Stefano Sarti. Tra i relatori, anche la consigliera del MoVimento 5 Stelle Marcella Ariodante.

Il Comune sembra intenzionato, ma la conferma arriverà solo lunedì prossimo, a ricorrere nuovamente al Tar contro il Ministero, che invita a presentare un progetto alternativo al Vannetti-Buren, preservando i recenti resti venuti alla luce e ripristinando un’adeguata alberatura. Il Comune, però, non intende fare un passo indietro. A distanza di oltre due anni dall’apertura del cantiere, non si hanno ancora tempi certi per la fine del progetto: di questi ritardi il Comune dà la colpa al Comitato che, però, respinge al mittente le accuse. “I commercianti” dice Baldinoavevano detto che già i due anni previsti, per loro, sarebbero stati troppi” ma il Comune ha deciso comunque di intraprendere questa strada; inoltre ha aperto il cantiere nell’intera piazza, mentre avrebbe potuto lavorare a zone. Per quanto riguarda gli stop al cantiere, sono da imputarsi, anche quelli, esclusivamente al Comune che non ha fatto una verifica archeologica preventiva, grazie alla quale avrebbero saputo in anticipo quello che c’era sotto i pini. Anche se il sospetto che lo sapessero viene, come dice Anna Maria Monteverdi, che ha fatto, all’Archivio di Stato, la ricerca che avrebbe dovuto fare il Comune. Lei, Lorenza Patriarchi e Irene Giacché hanno, nel corso di questi anni, ricostruito la storia della Piazza. Possibile che in Comune nessuno potesse (o volesse) farlo?

Uno nuovo ricorso al Tar e, di seguito, probabilmente anche al Consiglio di Stato” dichiara Sarti “significherebbe un altro stop di un anno e mezzo, forse due. Noi speriamo che il Comune ci ripensi: in caso decida di andare avanti, probabilmente andremo in opponendum, consultandoci anche con Italia Nostra”. Il vicepresidente di Legambiente ricorda anche che, in piena protesta (novembre 2013) partecipò, con il Comitato e Italia Nostra, a un incontro con i segretari di Andrea Orlando (allora Ministro dell’Ambiente) e Massimo Bray (che era ai Beni Culturali), incontro al quale fu invitato anche il Comune, che si rifiutò di partecipare.
Marcella Ariodante interviene sulle spese: la Piazza costerà ai cittadini 3.250.000 euro, 1 milione in più rispetto alle spese iniziali: tutti soldi degli spezzini, visto che il Comune rinunciò ai fondi europei. “Da politica, posso solo dire che spero che questa sia una Waterloo, per l’attuale Giunta“.

Intervengono anche Luciano Rotondo (la Pizza in Piazza) e l’ingegner Paolo Bracco.
Rotondo, 
in rappresentanza dei commercianti, esprime perplessità sulla pavimentazione che, a detta anche di chi nel cantiere ha lavorato, non è in grado di reggere il passaggio di tutti gli autobus che da lì dovranno passare e che non potranno essere spostati in altre strade. “Gli autobus da Piazza Verdi devono poter passare tutti“. E aggiunge che”quella pavimentazione, come dichiarato dal capocantiere, tra 5 anni sarà da cambiare”.
Anche Bracco interviene sulla pavimentazione, rimarcando che il travertino non è materiale adatto a essere calpestato, ma buono esclusivamente per le facciate. Quel progetto è pieno di inesattezze, a partire dal caldo che c’è nella Piazza in piena estate (“Davanti a Tonelli” dice “abbiamo cucinato un uovo al tegamino sulla panchina, c’erano 60 gradi“), fino ad arrivare al “problema” dell’acqua. Se scavano, come previsto, oltre 2 metri, trovano l’acqua e il progetto non prevede particolari accorgimenti per contrastarne la forza. Ma nessuno, tra i tecnici che hanno visionato il progetto esecutivo, s’è accorto di queste incongruenze, peraltro già fatte notare da Comitati, Associazioni e liberi professionisti in tutto questo tempo?

Possibile? E possibile che, in tutto questo, tra errori, ritardi, problemi e lamentele, il Comune pensi solo all’ennesimo ricorso al Tar?

Advertisements
Annunci
Annunci