“Architettura della lettera” venerdì 25 al Nh (ex Jolly) con le Edizioni Giacché e EWMD

loi02LA SPEZIA – ‘Guardando un arco di trionfo imperiale ci domandiamo se questo modo di costruire fu suggerito dalla lettera o se, al contrario, la scrittura non è che una figura rimpicciolita dell’architettura. Le colonne verticali, la volta a semicerchio, la trabeazione orizzontale al disopra, sono elementi costitutivi della scrittura.’
(Fritz Helmut Ehmcke, 1878-1965, graphic designer, tipografo, illustratore, insegnante presso scuole e accademie di arti applicate in Germania e in Svizzera)

Le poche e suggestive frasi di questa citazione mettono in evidenza la parentela che lega la tipografia all’architettura. Somiglianza evidente, ma della quale non sempre si ha consapevolezza. Scrittura ed architettura sono costantemente sotto i nostri occhi, e proprio per questo, possono sfuggire alla nostra attenzione.

Questo ed altri argomenti sono al centro della conferenza con proiezione d’immagini che Maurizio Loi terrà venerdì 25 presso NH Hotels (ex Jolly) alle ore 17,00, per presentare il suo libro: “Miroir, l’alfabeto specchio, l’architettura della lettera in pop-up“, pubblicato dalla casa Editrice di Irene Giacché. L’evento è organizzato assieme al Network EWMD – delegazione della Spezia, diretto da Franca Guidotti con il patrocinio dell’AIB, Associazione Italiana Biblioteche sotto la regia di Francesco Langella.

Un’occasione unica per ascoltare  il designer genovese che vive per molti mesi a Parigi e viene in città per l’occasione; Maurizio Loi è paper engineer e creatore di pop-up di fama europea, che da oltre vent’anni lavora nel mondo della formazione e delle arti visive, ha creato modelli pop-up, curato mostre, laboratori ed esposizioni per Paris Bibliothèques, il sistema bibliotecario di Parigi, e per numerose biblioteche e istituti italiani.

L’ingresso è aperto a tutti

Advertisements
Annunci
Annunci