Estate spezzina: Leonardo Pischedda pigliatutto

LA SPEZIA– L’estate spezzina ha visto tre grandi manifestazioni, potenzialmente in grado di richiamare anche persone non residenti in città: il Palio del Golfo, la Festa della Marineria e Mesciùa. Tutte e tre le manifestazioni hanno avuto spazi riservati agli spettacoli. Si è proceduto per affidamento diretto (possibile fino a 40mila euro), ossia senza gara: il Comune, in pratica, decide a chi affidare l’intrattenimento, di qualunque tipo sia. E così ha fatto il Comune spezzino. A occuparsi dei momenti di spettacolo (sia musicale che teatrale) è stata l’agenzia di spettacolo Artificio23, che organizza anche il Festival Andersen a Sestri Levante. Il direttore artistico di Artificio23 è Leonardo Pischedda, figlio di cotanto padre, quell’Antonello Pischedda che, per anni, fu direttore del Teatro Civico e si occupò dell’organizzazione di spettacoli in città.
Mestiere passato di padre in figlio; basti pensare che Leonardo Pischedda (che, tra parentesi, curò anche l’inaugurazione del Ponte Revel) si presentò anche al famoso bando per la short list del Teatro Civico (poi annullato dal Tar Liguria, con il Comune costretto a risarcire i ricorrenti).

Tutto legittimo e regolare, si dirà. Evidentemente il Comune di Spezia è molto, molto soddisfatto del lavoro di Leonardo Pischedda (bellissimi gli intrattenimenti della Festa della Marineria, nulla da dire), però tre eventi su tre è un bel colpo, per il giovane Leonardo.

Altre agenzie di spettacolo in grado di lavorare bene non ce ne sono?

Il prossimo traguardo per Pischedda sarà proprio il Teatro Civico, nel segno della continuità?

Advertisements
Annunci
Annunci