Solidarietà a LaSpeziaOggi da Ameglia in MoVimento per il caso Acam acque

AMEGLIA– Un’ altra vittima del meccanismo di censura legalizzata, un’altro tentativo di imbavagliare chi, con l’intento nobile di dare voce ai più deboli e di usare l’informazione come arma contro la torbidità che circonda la popolazione, si scontra con gli interessi dei soliti ben noti personaggi. Il gruppo Ameglia in MoVimento esprime solidarietà alla redazione di laspeziaoggi.it in merito alla questione della querela inoltrata da ACAM acque, unendosi a tantissimi altri sostenitori della persona direttamente interessata, indignati dall’ennesimo tentativo di mettere a tacere questioni scomode. Noi, così come tantissimi altri gruppi e persone ci schieriamo dalla parte della libertà di informazione, contribuendo a dare voce alla vicenda, affinché la popolazione abbia modo di conoscere i fatti per quello che sono e di crearsi così l’opinione più obiettiva possibile, usufruendo di questo bellissimo e fondamentale diritto che è la libertà di informazione, sempre più spesso clamorosamente violato da cavillosissimi strumenti legali utilizzati sistematicamente da coloro che, agevolati dai loro vari mezzi, cercano di sottrarci l’unica temibile e potentissima arma di cui siamo in possesso: L’INFORMAZIONE PURA. Questo articolo non servirà a pagare le spese legali di soggetti querelati, ma se non altro contribuirà, insieme a tutte le altre innumerevoli espressioni di solidarietà, a ricordare a tutti i lettori che per una persona querelata ce ne sono altre cento pronte a prendere il suo posto, e che questi “mezzucci” di dissuasione, forse sufficientemente efficaci fino a qualche anno fa risulteranno sempre più come degli ombrelli utilizzati per fermare lo tzunami.

Il gruppo Ameglia in MoVimento

Advertisements
Annunci
Annunci