Masbedo al MART di Rovereto. La videoarte di Iacopo Bedogni, da Sarzana ai luoghi di culto dell’arte contemporanea

Masbedo ovvero il duo stellare dei videoartisti Iacopo Bedogni di Sarzana e Nicolò Massazza di Milano, inizia dal 2000 a percorrere una strada fruttuosa in cui la videoarte ritorna ad essere, come nelle opere di Bll Viola, una visione interiore, una profonda meditazione sull’essere umano, sull’incomunicabilità. Le ambientazioni dei video dei Masbedo (Schegge d’incanto in fondo al dubbioTeorema d’incompletezzaGlima, The lack) grondano potenti metafore esistenziali: le vette impervie e le cime innevate del Monte Bianco, le grandi profondità marine, il mare in tempesta della Francia del Nord, il paesaggio glaciale e vulcanico dell’Islanda non sono altro che potenti e drammatiche istantanee interiori, un veritiero e scomodo specchio dell’anima.
11988498_10152654391377465_2104742522431218658_n
I MASBEDO  presentano a ottobre al Mart di Rovereto Sinfonia di un’esecuzione un nuovo progetto che mescola le grammatiche linguistiche dell’arte, della musica e della performance. Il progetto è costituito da tre opere:

Sinfonia – video audio installazione prodotta dal Mart
Inaugurazione Sabato 10 ottobre, ore 18-21

Esecuzione – video audio performance con sonorizzazione live dei Marlene Kuntz
Sabato 10 ottobre, ore 21, Teatro Zandonai, Rovereto

Sinfonia di un’esecuzione – video audio scultura che, riunendo le due opere precedenti, completa il progetto espositivo e dà il titolo alla mostra.
Presentazione Domenica 18 ottobre, ore 12Dal 2000 

L’indagine dei MASBEDO parte dai boschi della Val di Fiemme, dove crescono gli abeti rossi da cui nascono i violini perfetti. Dalla morte dell’albero deriva la nascita di strumenti meravigliosi, nei quali il legno rivive.
Con Sinfonia di un’esecuzione gli artisti esplorano la relazione tra morte e vita, nel passaggio tra due complementarietà. La mostra è un progetto sulla rinascita, sull’atto in potenza; ma anche sulla natura, sui riti, sui gesti sapienti. Per giungere alla creazione del sublime è necessario un gesto distruttivo, struggente, un’esecuzione. Giocando sull’ambivalenza linguistica del termine, i MASBEDO raccontano di come una condanna a morte si trasformi in musica, di come dalla distruzione si generi forma.

 Articoli su Masbedo di Anna Monteverdi 

masbedo-0_7076--400x320

Nel corso del 2015 i MASBEDO presentano The Lack in diversi musei d’arte contemporanea: PAC Milano, MAMbo Bologna, MADRE Napoli, MAXXI Roma e CAC Ginevra; Art Dubai ospiterà un evento speciale dedicato al film. Il video2’59’’ è stato selezionato per la sezione Art Film di Art Basel Hong Kong. Firmeranno la regia e le scenografie originali per il Flauto Magico di Mozart, opera per la Fondazione Arena di Verona.Nel 2014 presentano alla Fondazione Merz di Torino la mostra personale Todestriebe, a cura di Olga Gambari. A Venezia presentano il loro primo lungometraggio The Lack alle Giornate degli Autori Venice Days e successivamente in concorso al Reykjavik Film Festival e nella sezione New:Vision del Copenhagen International Documentary Film Festival. Lo stesso film è stato trasmesso da Sky Arte. Nel 2013 presentano la video installazione Ash al Leopold Museum di Vienna per la mostra Clouds. Landscapes from Romanticism to the Present. Espongono alla Pinacoteca Nazionale di Bologna, in collaborazione con il Mambo Museo d’arte moderna, un progetto  dal titolo Gelo consistente di una mostra personale e di una video-performance, a cura di Gianfranco Maraniello. Nel 2012 svolgono una serie di video-performance in musei d’arte contemporanea (Centro Luigi Pecci a Prato) e istituzioni (Festival RomaEuropa e Ambasciata d’Italia a Berlino durante la 7. Biennale d’arte). Con l’ensamble Sentieri Selvaggi e con la partecipazione straordinaria di Fanny Ardant presentano a Milano (Teatro Strehler) e a Roma (Teatro Palladium) una video-audio performance tratta da Le Remède de Fortune di Guillaume de Machaut. Il video del 2008 Teorema d’incompletezza viene esposto nella mostra della collezione del Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea. Il documentario Tralalà partecipa alla sezione Giornate degli Autori della 69. Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia e al Reykjavik International Film Festival.

 

Advertisements
Annunci
Annunci