“Oasi Lipu sotto le stelle” di Silvia Paternostro

ARCOLA– Ad Arcola presso l’Oasi Lipu località San Genesio Venerdì 21 Agosto a partire dalle ore 20.00 si è tenuto un incontro rivolto all’osservazione astronomica in mezzo alla natura con tanto di buffet in prima accoglienza. L’ evento è stato organizzato dalla Lipu in collaborazione con il Comune di Arcola, CieloBuio – Coordinamento per la protezione del cielo notturno, la Società Astronomica Lunae e l’ Ente Parco di Montemarcello – Magra. L’ attività di apertura è stata introdotta dal responsabile dell’Oasi di Arcola Davide Barcellone che insieme ad altri volontari hanno radunato i partecipanti muniti di binocolo, plaid e torce elettriche spiegando dell’utilità sociale della Lipu sul territorio che, oltre ad accogliere su iniziativa del Tribunale di Genova giovani sotto misura alternativa a la detenzione per lavori socialmente utili all’interno dell’oasi e disporre di aule a cielo aperto per gli scout durante i campi estivi, si dedica anche ad iniziative socio-culturali permettendo un momento collettivo  di osservazione del cielo assieme agli astrofili. Alle 21.00 si è tenuta una proiezione video con spiegazione dell’esperto  relatore dottor Andrea Austi della Società Astronomica Lunae su ” Introduzione all’orientamento ed all’osservazione del cielo notturno“. A seguire sono stati messi a disposizione dalla Società Astronomica Lunae i telescopi per permettere ai presenti l’osservazione astronomica guidata. Si è partiti con l’individuazione della polare per stazione i telescopi  tenendo presente il triangolo estivo formato dalle tre stelle quali Altair, Vega nella costellazione della Lira e Deneb.
20150821_211228

I primi corpi osservati sono stati la stella rossa Arturo (Actarus) nella costellazione di Boote e Vega nella Lira ove si è potuta ammirare la nebulosa M57 distante da noi 1500 anni luce e che oggi non c’è più. Ammirando il centro della Via Lattea si è potuto osservare Saturno con qualche satellite dei sui 23 proseguendo il giro con l’individuazione di ammassi aperti costituiti da 100 a oltre 1000 stelle e quelli globulari con centinaia di migliaia di stelle. I presenti hanno visto le costellazioni della Lira e del Cigno, quella dello Scorpione con la stella Antares e le costellazioni di Volpetta e del Delfino accanto a quelle dell’Acquario, dei Pesci e del Capricorno visibili nel cielo di Agosto. Si è parlato della stella kepler 452 vicina al nuovo esopianeta extrasolare Kepler 452 – b scoperto fra la Lira ed il Cigno  dove si trova M57. L’ itinerario è proseguito con l’osservazione di M11 ammasso aperto,  M13 ammasso globulare ed M31 galassia di Andromeda terminando con l’individuazione di Cor caroli stella doppia nella costellazione dei Cani da Caccia. L’esperienza con gli occhi al cielo si è conclusa a notte fonda con l’entusiasmo di tutti gli appassionati che hanno potuto godere del connubio fra ambiente naturale e fascino degli astri, della luna e dei pianeti.

Advertisements
Annunci
Annunci