Guerri : “La strada di Campiglia non è ancora stata messa in sicurezza”

LA SPEZIA-Siamo al 16 agosto 2015 e ancora oggi ci ritroviamo a dover documentare e denunciare le condizioni di precarietà e pericolo in cui versa la strada di Campiglia – così il consigliere comunale Giulio Guerri in una interrogazione inviata in queste ore al sindaco- “È bastato il temporale di stamattina per fare sì che in alcuni punti della strada si verificassero nuove cadute di sassi sulla carreggiata, come hanno potuto constatare alcuni abitanti passati di lì al termine dell’episodio piovoso. Ancora una volta siamo di fronte alla manifestazione di un problema che da anni si ripropone creando disagi e fondate paure a carico della cittadinanza e che, solo per fortunate coincidenze, non ha ancora provocato vittime.

IMG_1073477264594

Guerri ricorda la mobilitazione dei cittadini di Campiglia contro il protrarsi di questa gravissima situazione e cita le numerose interrogazioni ripetutamente fatte fin dal 2011 per chiedere all’amministrazione comunale la reale e completa messa in sicurezza di via Caporacca. “Sarebbe bene che i nostri amministratori tenessero nella dovuta considerazione il fatto che questa è una strada comunale, che costituisce l’unico collegamento carrozzabile fra la frazione comunale di Campiglia e il resto del territorio ed è percorsa ogni giorno dai residenti, dai mezzi pubblici, dai turisti, dagli escursionisti, dagli operatori commerciali e dai loro clienti e fornitori. È inaccettabile – conclude Guerriche malgrado gli anni passati e i pericoli susseguitisi con grande frequenza ed elevato rischio per la stessa incolumità delle persone, la giunta non abbia ancora provveduto agli interventi che occorrono per fare sì che una strada comunale non si trasformi in una potenziale trappola mortale ogni volta che c’è il maltempo”. Guerri chiede con urgenza per l’ennesima volta al sindaco e all’assessorato ai lavori pubblici in particolare la realizzazione della messa in sicurezza di via Caporacca per tutto il suo tracciato e la predisposizione della fruibilità di un varco alternativo (già esistente sul lato-Castellana) da mettere a disposizione per i casi d’emergenza“.

(Foto Tiziano Leonardi)

Advertisements
Annunci
Annunci