Forcieri sindaco? No, grazie. Lettera aperta dei Quartieri del Levante

,LA SPEZIA– Era nell’aria da tempo la possibile candidatura del Signor Forcieri a sindaco di La Spezia, anche se lo stesso ha subito smentito. I cittadini di Pagliari, Fossamastra e Canaletto, di fronte ad un personaggio che più volte con altre vesti ha, nel suo ruolo, peccato di accentuato dinamismo per poi non fare nulla, sono preoccupati che questa cosa abbia un seguito.
Per questa ragione i Quartieri del levante rendono noto che negli 8 anni di mandato non ha “fatto niente” per adempiere alla realizzazione dell’ormai noto e arcinoto Piano Regolatore Portuale, strumento urbanistico di legge che ha più volte cercato di aggirare, evitando costantemente il dialogo con gli stessi, sfortunati vicini di casa del Porto Mercantile ed evitando il buon funzionamento del Tavolo Permanente Pubblico. Non ha ancora restituito parte di Calata Paita alla città al fine di allestire il waterfront e, cosa che intendiamo chiarire, ha costruito la passerella da Porto Mirabello a passeggiata Morin prima che venissero bonificati i 10 quadranti ancora in sospeso.

Il Ministero aveva espressamente ordinato che solo a bonifica avvenuta  la costruzione poteva essere fatta, ma ha avuto luogo certo prima e stiamo cercando di sapere dalla Regione se la stessa sia stata fatta o se sia ancora in sospeso cosa che non ci meraviglierebbe affatto (vista anche la moria di pesci e gabbiani dei giorni scorsi). La cose che questa Autorità portuale ha fatto ci confermano che la sua priorità non è la difesa della salute dei cittadini, né la difesa dell’ambiente (territorio, atmosfera, eliminazione dell’inquinamento acustico e marino), bensì ha attivato la Crocieristica che, pur avendo lati positivi, è in conflitto con la legge sul P.R.P, che prevedeva l’uso del Molo Garibaldi, ancora non disponibile, ed ha, come già detto, costruito la passerella tra il Porto Mirabello (proprietà privata) e passeggiata Morin. Poca cosa in confronto a quanto doveva in realtà fare e pare anche si voglia violare la legge regionale con un colpo di mano che piace poco a coloro che devono convivere col porto.

Da qui il famoso dinamismo deve essere ben ponderato da coloro che vivono nel Golfo dei Poeti  che per sua conformazione geografica e per la sua natura ha certo vocazione turistica ,mentre corre il rischio di essere sopraffatto dal porto e da una montagna di container (molti dei quali vuoti per cui si incassa denaro), come sostenuto a gran voce da questa Autorità Portuale. Questo ci fa capire quale guaio sarebbe se la stessa persona che ora regge questa istituzione venisse chiamato a sostituire l’attuale sindaco sarebbe una vera sfortuna per questa città già amministrata molto superficialmente sino ad oggi.

(Rita Casagrande e Franco Arbasetti, Coordinamento Quartieri del Levante)

Advertisements
Annunci
Annunci