Guerri : “Discariche abusive in via Maralunga e dal monunento di Pegazzano”

LA SPEZIA– Il consigliere comunale Giulio Guerri, capogruppo della lista civica “Per la Nostra Città“, ha inoltrato una interrogazione al sindaco per segnalare, con allegati fotografici, la presenza di cumuli di rifiuti abbandonati in via Maralunga (in prossimità dell’incrocio con viale San Bartolomeo) e nell’aiuola del Monumento ai Caduti di Pegazzano. “Più volte abbiamo segnalato le disfunzioni del servizio di igiene urbana in entrambi i quartieri, sia Pegazzano che il Canaletto e le conseguenti problematiche di degrado in danno al decoro urbano e alle garanzie igienico-sanitarie per i cittadini – scrive Guerri.Parimenti abbiamo più volte denunciato – indicandone i casi specifici – il dilagare della piaga dell’abbandono indiscriminato e illegale di rifiuti lungo le nostre strade, chiedendo, oltre alla pulizia straordinaria, interventi di controllo e prevenzione atti a stroncare questo fenomeno di inciviltà e illegalità. Ad esempio, proprio nelle vicinanze di questi due siti su cui oggi richiamiamo l’attenzione, avevamo già avuto occasione di lanciare un allarme per le problematiche  di degrado riscontrabili in via del Molo da una parte e via Di Murlo, via Vappa, via Zara e via San Francesco dall’altra. Non può passare inosservata la necessità di provvedere alla rimozione della spazzatura che da settimane giace in due luoghi pubblici che hanno la caratteristica di essere, nell’ordine, un punto di passaggio molto frequentato (quale è la strada che unisce via del Molo a viale San Bartolomeo) e un sito storico di pregio (quale è il Monumento di Pegazzano), peraltro recentemente restaurato e sottoposto a un intervento di sfalcio – a cui non ha fatto ancora seguito quello di pulizia.”

IMG-20150806-WA0001
Considerato che le condizioni climatiche di questi giorni rende ancora più necessario e urgente assicurare  il ripristino del decoro e dell’idoneità igienica dei luoghi ambientalmente compromessi– conclude Guerrisi richiede che il Comune disponga al più presto la ripulitura e l’igienizzazione dei due siti indicati e verifichi le azioni da intraprendere per preservarli dal riproporsi delle problematiche di inciviltà e incuria che abbiamo documentato“.

Advertisements
Annunci
Annunci