Rievocazone Storica Varese Medievale dal 17 al 19 luglio

VARESE LIGUREDopo l’arrivo dei conti di Lavagna in Alta Val di Vara, inizia una lunga stagione di conflitti tra Fieschi e Penelli. Tutto comincia quando i Fieschi sottraggono Cassego ai Penelli e li costringono a rifugiarsi nella vicina località Carbello, dove costruiscono una torre detta dei Penelli, al termine della costruzione viene pattuita la spartizione del territorio che possiamo riassumere come segue:
” Dopo che il signor conte Alberto Fieschi ha costretto il signor conte Oberto Penello ad abbandonare, con tutti i suoi uomini, Cassego e rifugiarsi a Carbello, fortificandolo con una torre, si è concordamente stabilito, per maggior quiete della valle, che il territorio a ponente della detta torre, chiamata Torre dei Penelli, spetti al signor conte Alberto Fieschi e ai suoi eredi, mentre quello del levante spetti al signor conte Oberto Penello e ai suoi eredi. Le terre oltre il torrente Scagliana saranno proprietà comune, indivisa, mentre il Monte Zatta viene attribuito al signor conte Oberto Penello e ai suoi eredi, a risarcimento della perdita del territorio di Cassego.”
Ma l’accordo fra Alberto Fieschi e Oberto Penello non era destinato a durare perché, come narra l’analista varesino Antonio Cesena, la lunga stagione delle lotte era appena iniziata, per “desiderio di avere più l’uno dell’altro”.
Sempre dalle cronache del Cesena si riassume così la fondazione di Varese:
” Ed è così che i Fieschi, scesi di lotta in lotta al fondovalle, non trovano più alcuna resistenza sul territorio “dal fiume Corvana in suso” e iniziano a costruire “una chiesa parochiale” in località Campelli che a seguito di un evento ritenuto prodigioso, viene trasferita in località Pieve.
E così essi decidono di consolidare la propria presenza in Val di Vara fondando un borgo “quale fosse capo di tutta la valle” secondo un preciso modello, costituito da case murate e tutte uguali tra loro. Determinante la scelta del sito è la variazione di percorso della strada che dalla Riviera va verso la Val di Taro e Piacenza, che non segue più la valle del torrente Stora ma quella della Vara. Quel borgo, “capo di tutta la valle, era ed è Varese”.

La nostra rievocazione si propone di ricordare le lotte e gli avvenimenti che portarono alla fondazione di Varese Ligure, in particolarele lotte fra Fieschi e Penelli, tramite l’assalto al castello.

Questo è il programma delle tre giornate:

Venerdì 17 Luglio Palio degli Arcieri
ore 16.oo “500 ma non li dimostra” Il Ponte sul Crovana guarda Varese Castello dei Fieschi (g.c.)
Convegno Ponte Romanico sul torrente Crovana a 500 anni dalla sua costruzione.
Relatori Daniele Calcagno, Barbara Bernabò, Marina Cavana.
ore 20,oo raggruppamento partecipanti al Corteo storico che attraverso le vie del borgo accompagnerà le compagini degli Arcieri alla gara per l’assegnazione del Palio.
Ore 21,oo circa inizio delle gare di tiro al bersaglio, fisso e mobile degli arcieri di Sesta Godano.

Sabato 18 Luglio Assalto al Castello
ore 10,00 Arrivo Compagnie di Soldati e Mercenari e dei Banchetti medievali
ore 15,00 Ronde di guardia a controllo del borgo vegliano sulla popolazione.
ore 16,30 Falsi allarmi e prime scaramucce
ore 17,00 Allarme generale chiusura delle porte di ingresso al borgo. Inizio degli attacchi e contro attacchi per la presa e la difesa del castello. Fine delle ostilità
ore 19,30 Cena del soldato
ore 21,00 Torneo di cavalieri, (Duello con le Spade) in onore dei vincitori.

Domenica 19 Luglio
ore 10.00 Apertura del Mercato Medievale all’interno del Borgorotondo con
banchetti didattici e di vendita articoli medievali.
Inizio visite animate al Borgo e al Castello dei Fieschi che si protrarranno per tutta la giornata.
Sempre alle ore 10,oo Aprirà il mercatino dell’hobbistica, dei prodotti agricoli
Ore 20,oo Cena finale

Advertisements
Annunci
Annunci