La vita oltre l’Euro. Esperienze e visioni di un economista pragmatico

Perché da sette anni l’economia dell’Italia va a fondo? Perché alcuni Paesi dell’Unione Europea crescono, mentre altri sono sull’orlo del fallimento? Perché Francesi e Inglesi sono arrivati al punto di immaginare un referendum per liberarsi di quest’Europa? Sono le domande che i politici – italiani ed europei – sono stati costretti a porsi, quest’anno, subito dopo gli choccanti risultati delle elezioni europee. Molti di questi politici, soprattutto in Italia e in Francia, oggi pensano che l’Europa e l’euro debbano essere cambiati, oppure l’Unione rischia di implodere. Già cinque anni fa, però, un imprenditore aveva previsto quello che sta avvenendo oggi: Ernesto Preatoni. Le sue teorie, esposte sui principali quotidiani italiani – allora, quando la stragrande maggioranza di politici ed economisti tifavano per la moneta unica – avevano raccolto aspre critiche. Oggi le sue opinioni sulla moneta unica e sugli eurovincoli sono oggetto di valutazione tra i politici eletti a Bruxelles, oltre che tema di dibattito tra economisti e opinionisti in Italia. In una vivace conversazione con Giancarlo Mazzucca, direttore de Il Giorno, Preatoni – con l’approccio dell’economista pragmatico, che sa unire la visione dell’imprenditore a quella dello studioso dei fenomeni economici – spiega perché quest’euro non può funzionare – e non ha mai funzionato – per l’Italia e per l’Europa, perché gli eurovincoli rischiano di farci affondare e perché anni fa autorevoli politici abbiano insistito per portare l’Italia in un’Unione sbagliata e oggi, anche di fronte all’evidenza – non vogliano rassegnarsi a cambiare idea. I “sacerdoti dell’euro”, che allora – con una visione miope – portarono l’Italia nell’unione monetaria, oggi rischiano di trascinare l’Italia oltre il ciglio del baratro e di condannarla a un default paragonabile a quello argentino.

Unica via di salvezza? Un ritorno ordinato alla lira. Perché c’è una vita fuori dall’euro (come dimostrano i Paesi europei che non hanno accettato di adottare la moneta unica) ed esiste una vita anche oltre all’euro, per chi deciderà – con coraggio – di abbandonare una valuta nata male e finita peggio.

Ernesto Preatoni dà il via alla propria carriera nel 1967, come consulente finanziario. Nel 1985 partecipa al take over di Bi-Invest, nel 1987 organizza la scalata alla Banca Popolare di Lecco e al Credito Bergamasco. Negli anni ’90 crea il Domina Coral Bay, il complesso alberghiero a cui si deve l’’esplosione turistica del Mar Rosso. È il primo a sfruttare le opportunità di sviluppo immobiliare nei Paesi Baltici, dove opera attraverso la Pro Kapital. Si definisce un uomo libero e si interessa, con passione, di economia. Nel 2013 ha pubblicato, con Fabio Tamburini, Il Pioniere (2013, Il Sole 24 Ore).

Giancarlo Mazzuca romagnolo di Forlì, già direttore de «Il Resto del Carlino» e del «quotidiano Nazionale», è stato inviato speciale al «Corriere della Sera», vicedirettore a «Fortune» e alla «Voce» di Montanelli, caporedattore al «Giornale». È stato parlamentare nella XVI legislatura e al termine del mandato, all’inizio del 2013, è tornato a dirigere «Il Giorno».

La vita oltre l’euro è un libro di Rubbettino Editore.

Advertisements
Advertisements
Advertisements