Ascensori per Via XX Settembre e Via XXVII Marzo ripetutamente fuori uso: Guerri interroga il Sindaco

LA SPEZIA– “Fra i numerosi disagi e disservizi che caratterizzano la nostra città anche in questo periodo di piena stagione turistica, va registrata la frequenza con cui gli ascensori che salgono in via XX Settembre e via XXVII Marzo sono risultati inutilizzabili“. Così Giulio Guerri, consigliere comunale e portavoce della lista civica “Per la Nostra Città” in una delle sue più recenti interrogazioni indirizzate al sindaco della Spezia.

L’indisponibilità dei due ascensori, da quanto riferito dai cittadini, si è verificata molto spesso nel corso degli ultimi tempi, anche in coincidenza con momenti di particolare richiamo e, come negli ultimi casi, ne cuore della stagione estiva. Vale a dire nel momento di maggior richiesta di questo servizio, data la presenza di numerosi visitatori in città e in considerazione del fatto che il caldo pesante di queste giornate rende ancora più difficoltoso raggiungere le zone collinari del centro cittadino percorrendo le scalinate.Guerri ricorda che i due ascensori costituiscono un’opera consegnata ai cittadini appena pochi anni fa e per la quale la collettività spezzina ha sostenuto un notevole investimento di denaro pubblico, giustificato dall’esigenza sociale di garantire una mobilità senza barriere architettoniche fra la parte in pianura e quella collinare del centro storico, a beneficio dei tanti cittadini anziani, disabili e con difficoltà motorie. Arricchita da un’altrettanto importante funzione di servizio  ai turisti in visita nella nostra città, per i quali il Castello San Giorgio rappresenta una delle mete più attrattive ed apprezzate. “Il mancato funzionamento di questi strumenti – conclude Guerri vanifica di fatto gli sforzi finanziari affrontati dalla cittadinanza per potersi dotare del servizio e costituisce un danno ai cittadini più deboli e disagiati nonché un cattivo biglietto da visita nei confronti dei turisti.”

Per queste ragioni Guerri chiede al sindaco di sapere se i frequenti e ripetuti guasti siano dovuti a difetti progettuali o realizzativi degli impianti o a interventi parziali o sbagliati nei precedenti momenti in cui si è reso necessario intervenire per lavori di riparazione sugli stessi, quali siano le ordinarie esigenze manutentive dei due impianti e se non si ritiene necessario espletarle mediante interventi programmati che garantiscano il regolare e sicuro funzionamento degli ascensori e che tengano conto di quelli che sono i momenti più appropriati rispetto alle esigenze generali della città e degli utenti.

Advertisements
Annunci
Annunci