Quartieri del Levante: allargamento fascia di rispetto? Meglio tardi che mai…

LA SPEZIA- L’Autorità Portuale di La Spezia esalta il fatto che “finalmente” dopo 7 anni forse sposterà i binari di 10 metri (?) da Viale San Bartolomeo nel tratto tra via Doria e via Giulio Della Torre, cosa peraltro prevista nel P.R.P. approvato in regione nel dicembre del 2006. Meglio tardi che mai: quello che vorremmo sapere però è quale effetto sortiranno in quel tratto sia la fascia di rispetto che la barriera antirumore, prevista nel progetto e alta circa 6 metri davanti al Canaletto, dove l’operatività dei container arriva sino a 20 metri di altezza sulle navi in accosto a calata Arton a pochi metri dalle residenze. Il comune di La Spezia è, per legge, responsabile dell’inquinamento acustico e ambientale e gradiremmo essere informati visto che ha espresso parere favorevole nel comitato portuale insieme al rappresentante della Regione Liguria.
Ci si domanda con quale rispetto dei criteri della ”Zonizzazione acustica” e con quali studi scientifici si pensa di abbattere i rumori della operatività portuale dei gruppi elettrogeni delle navi in accosto al Molo Fornelli e Calata Arton  in moto 24 h. su 24. Forse non si è compreso che il porto di La Spezia, in tutta la costa dell’Alto Tirreno, da Livorno a Savona, è l’unico a movimentare le merci a poche decine di metri dalle case ed è quindi fuori luogo pensare ad un super porto nel Golfo dei Poeti perché ciò è contrario ad ogni criterio di buon senso di sostenibilità ambientale e di rispetto per la salute dei cittadini dei quartieri del Levante.

Quindi le priorità preventive, come dettate nel P.R.P., sono quelle dell’abbattimento degli inquinanti  e le prescrizioni relative efficaci, poi vengono le banchine per  evitare il rumore con espansione in verticale verso il centro del Golfo nella misura sostenibile ed allontanare la movimentazione delle merci  dalle abitazioni. In contraddizione, proponendo di non interrare davanti a Calata Arton in verticale per circa 90 metri si è preferito ingrandire il Molo , Garibaldi (adeguamento funzionale)mperdendo così un’occasione per allontanare il movimento dei container dalle abitazioni del Canaletto (Viale San Bartolomeo) e mitigare l’inquinamento acustico.

(Coordinamento Quartieri del Levante)

Advertisements
Annunci
Annunci