Venerdì 3 alle 15 Commissione Sanità con audizione dr Conzi e prof. Mazzotta

LA SPEZIA- “Domani pomeriggio alle ore 15 si svolgerà in Comune, presso la Commissione consiliare sanità, un’importante audizione dei responsabili dell’Asl 5 in merito alle problematiche del nostro pronto soccorso. Saranno sentiti il direttore generale dr.Conzi e il primario di cardiologia prof. Mazzotta, a tutt’oggi anche responsabile facente funzione del p.s. Data la delicatezza della tematica che sarà affrontata, sarebbe utile che i cittadini partecipassero numerosi a questo incontro. Nel merito, come gruppo “Per la Nostra Città“, riteniamo che le criticità in cui si è venuto a trovare questo nevralgico settore del nostro servizio sanitario (da cui dipende la stessa sopravvivenza delle persone) siano ancora lontane dall’essere risolte. Riconosciamo il fatto che, grazie al lavoro svolto in condizioni che possiamo definire impossibili dal prof. Mazzotta e dalla sua equipe, in queste ultime settimane sono stati apportati alcuni significativi miglioramenti. In particolare con l’adozione del sistema informatico per l’immediata ricognizione in tempo reale dei posti-letto disponibili nei vari reparti, rendendo più veloce, snello ed efficiente l’iter dei ricoveri ed aumentando, seppur di poco, la capacità di tenuta del p.s. a fronte dei flussi di persone in attesa. Restano oggettivi e gravi, tuttavia, i problemi determinati dalla pesante carenza di personale medico ed infermieristico (ci risulta che manchino circa 10 medici e quasi altrettanti infermieri) e di spazi. Nella situazione esistente, c’è una maggiore carenza a Sarzana che alla Spezia, ma il pronto soccorso di Spezia deve assolvere l’impegno molto più pesante di prendere in carico tutte le patologie gravi. E il rischio clinico per chi viene appoggiato a Sarzana e poi trasferito a Spezia per incapacità di assistenza può essere gravissimo. E’ inutile ricordare che di fronte all’aumento di potenziali pazienti dovuto alla presenza di turisti e con situazioni climatiche, come quelle di questi giorni, in cui l’insidia delle altissime temperature crea le condizioni perché le persone possano soffrire di malesseri, sia alla guida del proprio mezzo, sia camminando per strada, sia a casa o sul luogo di lavoro, la problematica dei carichi di lavoro, già di per sé insostenibile, non può che acutizzarsi in mancanza di provvedimenti idonei ed urgenti. Ben sapendo cosa comporti una siffatta situazione, tanto per gli operatori ma prima ancora per le persone bisognose di cura e di assistenza, chiediamo a gran voce, ancora una volta, che l’Asl risponda a questa emergenza con interventi adeguati alle condizioni esistenti, consapevoli che il permanere di queste condizioni potrebbe essere letale per alcuni di noi.”
Giulio Guerri – consigliere comunale – capogruppo lista civica “Per la Nostra Città”
Advertisements
Advertisements
Advertisements