IDV su Piazza Verdi: “Federici non scarichi su altri le responsabilità, il Comune ha sbagliato”

LA SPEZIA–  Anche IDV interviene sulla questione Piazza Verdi, con il seguente comunicato.

E’ sorprendente come il Sindaco Federici imputi agli organi della Soprintendenza  il totale fallimento della gestione  del cantiere di Piazza Verdi da parte della Sua amministrazione. Invece di riflettere sulle errate modalità con cui tutta la questione è stata impostata sin dall’inizio, preferisce continuare a scaricare su altri le proprie responsabilità politiche. Eppure sin dall’inizio della vicenda da molte parti, tra cui Italia dei Valori, si erano sollevati dubbi sul modus operandi da parte del Comune, che ripercorriamo in breve:

  • non è mai stata chiesta la VIA (valutazione impatto ambientale)
  • la piazza è vincolata secondo le disposizioni del Codice dei beni culturali e del paesaggio
  • errata datazione del filare dei pini
  • problemi di sicurezza per la presenza di “elementi sensibili”: scuole, prefettura, poste
  • l’esecuzione in lotti (durata cantiere prevista 2 anni, previsione come si vede errata ) rendeva problematico l’utilizzo della piazza da parte di cittadini e attività commerciali, con la conseguenza di rilevanti danni economici agli operatori commerciali
  • totale mancanza di partecipazione della cittadinanza al processo decisionale

Tutto inutile si è preferito andare avanti imperterriti su un progetto  evidentemente “poco trasparente” sin dall’inizio, tanto da produrre un conflitto tra organi dello Stato, indurre al ripensamento la Soprintendenza dei beni culturali, che con superficialità aveva concesso la prima autorizzazione, che ha poi portato al ricorso  al Tar ed infine  al Consiglio di Stato per dirimere la vicenda, ed ora al blocco del cantiere da parte della Soprintendenza Archeologica sui ritrovamenti delle fondamenta del teatro Politeama.

E’ evidente a tutti che  queste vicende produrranno una lievitazione  dei costi: infatti è di questi giorni la notizia che fondi stanziati a favore dei quartieri del levante cittadino, per i problemi derivanti dalla centrale dell’enel,  siano stati utilizzati per coprire i maggiori costi derivanti dal cantiere di Piazza Verdi, e produrranno un ulteriore danno economico agli operatori commerciali di piazza Verdi, verso i quali va tutta la solidarietà dell’Italia dei Valori.

La Segreteria Provinciale

Advertisements
Annunci
Annunci