Caso migranti Bonassola. Giovanna Cossia De Poli: “dobbiamo pensare ad un nuovo modello di sviluppo.”

Bonassola

In seguito alla manifestazione organizzata da Forza Italia, Lega Nord e Fratelli d’Italia contro la proposta di ospitare 4 migranti (due mamme con bambini), abbiamo intervistato la signora Giovanna Cossia De Poli che ci ha spiegato le ragioni che l’hanno portata  ad offrire la sua struttura per ospitare queste persone.

All’arrivo della nave dei profughi alla Spezia, ai primi di maggio, mi sono detta vorrei avere la possibilità di ospitare una mamma e due bambini piccoli perché penso che questi migranti, rifugiati, richiedenti asilo non siano trattate come persone ma come pacchi postali e semplicemente come numeri… Io ho la fortuna di vivere in un piccolo paradiso terrestre lontano da tutti in un parco di 16 ettari e quindi le polemiche che sono state fatte sono assolutamente pretestuose. Pensavo che offrire un momento di serenità a delle donne e a dei bambini che noi non sappiamo cosa hanno passato fosse il minimo… Ho reso pubblica questa mia intenzione spinta dalla lettera aperta molto bella del Presidente del Parco delle Cinque Terre in merito alla sua non adesione ad un convegno a Marsiglia sul Mediterraneo, in cui diceva parliamo del mare e non parliamo del fatto che questo mare sta diventando tomba. Ho pensato che se le autorità, dalla più piccola alla più grande fanno un pezzettino, i privati ne fanno un altro magari non riusciamo a risolvere il problema, ma possiamo fare del nostro meglio per migliorare la situazione…

...La crisi ha colpito noi, che abbiamo lucrato per tanti anni su un lavoro sotto pagato, fatto da chi veniva sfruttato e adesso chiudiamo le frontiere, forse dovremmo pensare ad un nuovo modello di sviluppo perché così non andiamo da nessuna parte…

Ecco l’intervista video integrale.

 

 

Advertisements
Annunci
Annunci