Spostamento fondi Enel: esposto alla Corte dei Conti dei Quartieri del Levante

LA SPEZIA- Riceviamo e pubblichiamo da Rita Casagrande, coordinatrice dei Quartieri del Levante, il seguente testo dell’esposto alla Corte dei Conti di Genova sulla presunta irregolarità commessa dal Comune della Spezia riguardo allo spostamento di parte dei fondi destinati a Enel.

Con riferimento all’oggetto la scrivente, rappresentante del coordinamento dei Quartieri del Levante adiacenti al sito della centrale termoelettrica Enel di Vallegrande, ritiene necessaria un’inchiesta per verificare la trasparenza nell’uso del risarcimento finanziario che l’Enel ha ritenuto di dare al Comune (circa 4,2 milioni di euro) per riparare ai danni ambientali  causati ai quartieri a forzata convivenza con la centrale elettrica (Pianazze, Pitelli, Melara,Termo, Pagliari, Fossamastra e Canaletto tutti compresi nel territorio di La Spezia). Parte di questi denari sono stati sviati su opere pubbliche come, ad esempio, il completamento di Piazza Verdi, molto lontana dalla centrale ed in pieno centro città, la spesa per tale opera è lievitata molto rispetto al preventivo iniziale e per questo con una “determinazione dirigenziale” si intendono presumibilmente utilizzare 420.000 euro a questo scopo. Quello che lascia perplessi è che per una somma di quella consistenza non sia stata fatta una delibera di giunta e di Consiglio Comunale. Oltre a questo da due anni si dice che un’indagine epidemiologica,che anche l’allora Ministro dell’ambiente On.Orlando riteneva fosse necessaria,è stata messa in un canto per mancanza di fondi. Forse per  quello scopo potevano essere utilizzati.

In attesa di un cortese riscontro colgo l’occasione per porgere cordiali saluti.

Advertisements
Annunci
Annunci