Droga: maxiblitz della polizia tra Italia e Francia, 17 arresti

ROMA–  In corso una maxi operazione antidroga della Polizia di Stato e della Polizia Nazionale Francese, coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia della Procura della Repubblica di Genova e dal Tribunale di Grande Istanza di Marsiglia. Diciassette le persone arrestate, accusate di far parte di un’organizzazione transnazionale attiva nel traffico di sostanze stupefacenti. Gli arrestati, di nazionalità francese e italiana, sono ritenuti essere contigui alle cosche di ‘ndrangheta Gallico e Molè, da tempo operanti nella provincia di Imperia e in Costa Azzurra. In particolare, nella cittadina francese di Vallauris e’ stata accertata l’operatività di esponenti della famiglia Magnoli, originari di Rosarno (Reggio Calabria), considerati il vertice dell’organizzazione, unitamente all’italiano Carmelo Sgrò, con precedenti per associazione mafiosa, attivo nella zona di Sanremo (Imperia).
L’operazione denominata ‘Trait union‘, condotta dagli uomini del servizio centrale operativo della polizia di stato e dalla sezione criminalità organizzata della squadra mobile di genova, ha portato, nei giorni scorsi, al sequestro di 90 Kg di cocaina a bordo di un veliero al largo dell’isola caraibica della Martinica (Antille francesi) e diretto verso l’Europa. Le attivita’ investigative – avviate da oltre un anno – hanno consentito di individuare i canali di approvvigionamento di hashish in Marocco che, in alcuni casi, veniva spedito proprio in centro America e utilizzato come merce di scambio per quantitativi di cocaina. Le diverse attivita’ tecniche disposte dalla magistratura di Genova, in sinergia con quella francese, hanno documentato anche altri elementi investigativi, suscettibili di sviluppi, e forti conflittualita’ con altre gruppi criminali, ad esempio culminati nell’esplosione di colpi di kalashnikov contro l’abitazione francese di Antonio Magnoli, esponente di vertice del gruppo. (AGI)

Advertisements
Advertisements
Advertisements