Franco Arbasetti: “I Partiti diano la priorità ai progetti ambientali per il territorio”

LA SPEZIA– I Partiti devono dare la priorità ai progetti ambientali ed alla difesa del nostro territorio, sia per ciò che riguarda il Golfo dei Poeti che per l’interno. Un richiamo ad essi perché diano priorità nella regione e nei comuni ai problemi ambientali, che sono molti, smettendola di ricorrere a interventi episodici per ottenere consensi senza nessuna vera programmazione, indispensabile, sul territorio.
La pianificazione sul territorio terra-mare è elemento determinante di sostegno allo sviluppo sostenibile e per il lavoro. Resta fondamentale la sintonia che deve essere attivata fra il Piano Regolatore Portuale e la pianificazione della costa e dell’interno della nostra Provincia e della nostra Regione.

Bisogna quindi impedire proposte che vanno a deturpare e mettono in discussione il potenziale di un futuro turistico del Golfo dei poeti. In questa ottica non può essere approvato un porto sovradimensionato di container, come predicano da tempo l’Autorità Portuale ed alcuni operatori portuali, ma in un Golfo piccolo come il nostro, con le abitazioni  a poche decine di metri, non si possono movimentare un gran numero di merci portuali anche se il nostro viene considerato l’unico porto dell’alto tirreno. Forse se non ci fosse la necessità di dragare i fondali non morirebbero i muscoli e i pescatori non tirerebbero su con le reti la sabbia invece del pesce e si deve tener conto anche di coloro che vivono con questo tipo di lavoro che è sempre stata l’unica fonte di reddito per molte famiglie della città

Solo un’espansione sostenibile può essere integrata nel nostro piccolo golfo con le 5 Terre e l’entroterra, ovvero La Val di Vara e la Lunigiana storica.

(Franco Arbasetti, Quartieri del Levante)

 

 

Advertisements
Advertisements
Advertisements