Aggiudicato l’appalto per il Museo multimediale della Fortezza di Sarzana

Laspeziaoggi aveva sollevato il “caso” del bando un po’ arruffato di un anno fa della Fortezza di Sarzana dove grazie a finanziamenti dai fondi strutturali europei POR FSR, avrebbe dovuto essere allestito un museo multimediale anzi un centro museale  multimediale del sistema fortificato della Lunigiana. con 27 sale fruibili attraverso le più diverse tipologie interattive. Grazie alle nostre osservazioni e grazie all’intervento dell’ex presidente della Provincia Marino Fiasella e del dirigente Gianni Benvenuto sono state apportate modifiche importanti. Il “caso” è passato pure in consiglio comunale. Da luglio dello scorso anno, dopo varie traversie e stop tecnici in attesa di bilanci, la stazione appaltante è passata dalla Provincia al Comune di Sarzana. Le società nel frattempo conoscono un fermo di alcuni mesi e a marzo arrivano le chiamate per la commissione che si riunisce un paio di volte fino a ieri quando è avvenuta l’apertura pubblica delle buste delle offerte e la procedura si può dire conclusa. Soddisfatti commissari, la presidente dott.ssa Patrizia Rossi e soprattutto la società vincitrice che è risultata la ETT di Genova che aveva ottenuto un ottimo punteggio di progettazione generale e che si è aggiudicata la gara nel rush finale contro NOE multimedia (affiancata dalla NEC di Follo per l’impresa edile) nella proposta economica di ribasso.

Ora si tratta di riuscire a stare nei tempi strettissimi richiesti dall’Europa: fine anno, ovvero 7 mesi ma già da oggi il Comune in rappresentanza, andava in Regione a verificare la possibilità di una proroga. IN ogni caso siamo sicuri che la società vincitrice non si lascerà sfuggire l’occasione di inserire un importante voce per il proprio curriculum  e di realizzare nei tempi richiesti, un Museo che potrebbe diventare un polo d’attrazione per l’innovazione, per lo studio del territorio e per i percorsi storici didattici già ben delineati dal bando come obiettivo del costituendo museo. Un grande plauso a chi ha cercato di usufruire dei bandi europei per dotare la nostra provincia di un museo originale che potrebbe essere un valido traino per il turismo.

Advertisements
Annunci
Annunci