Calice al Cornoviglio, i consiglieri di minoranza contro Poste Italiane

CALICE AL CORNOVIGLIO–  E’ stato pubblicato nei giorni scorsi l’elenco degli uffici postali  che avranno chiusura totale e degli altri che invece avranno la razionalizzazione, cioè  la riduzione dei giorni di apertura. Il comune di Calice al Cornoviglio, che  ospita  nel capoluogo sia l’ufficio postale che la banca, avrò del primo la razionalizzazione da 5 a 3 giorni di apertura. La popolazione non ci sta e per questo già mesi fa, alla ventilata ipotesi che questo potesse accadere   abbiamo raccolto firme  di cittadini che si oppongono alla decisione di Poste Italiane. Calice è un paese, un comune che soffre della vastità del territorio e di  scarsità di abitanti,  ma vogliamo  avere trasparenza  da Poste Italiane in quanto pensiamo che l’ufficio, unico sul Comune,  non possa avere difficoltà  di movimenti e raggiungimenti di obbiettivi o budget. Tanto più che proprio per questo ufficio si erano ridotti i giorni di apertura da sei a  cinque già da tempo.

20150511_090903

E questa mattina la Carispe, che ha nel nostro comune uno sportello bancario con apertura saltuaria nei giorni dispari della settimana, ha affisso alla porta un cartello che riporta la scritta “causa carenza personale la Banca resterà chiusa“. Siamo veramente al paradosso!

(I consiglieri di opposizione del Comune di Calice al Cornoviglio: Riccardo Roffo, Alessandra Cacciavillani, Walter Gabelli)

 

Advertisements
Advertisements
Advertisements