Navi dei veleni: archiviata l’inchiesta. Per Natale De Grazia ancora nessuna Giustizia.

LA SPEZIA– La Procura spezzina ha chiesto l’archiviazione per l’esposto, presentato da Legambiente, che mirava alla riapertura dell’inchiesta sulla nave dei veleni (per ciò che riguarda il filone spezzino) e il Giudice per le Indagini Preliminari ha accolto questa richiesta.

 Lo scrive il giurista ambientale Marco Grondacci, che ha seguito da vicino Legambiente e i suoi legali in questa vicenda, collaborandovi attivamente. Centinaia di pagine e documenti presentati dall’Associazione ambientalista sono state riassunte in una pagina e mezza che spiega il perché dell’archiviazione. La sensazione che se ne ricava, scrive ancora Grondacci, è “che nel Tribunale di Spezia  i cittadini attivi e i loro legali non devono portare solo indizi  documenti e fatti devono anche portare le prove dei reati….quelle prove che dovrebbe essere compito della Procura ricercare“. Non è la prima volta che le indagini su questa vicenda che portò, tra l’altro, alla morte del capitano Natale De Grazia, si “incaglia” proprio nella nostra città. Non è la prima volta che la nostra Procura archivia, non indaga, non conclude.

Una decisione, quella del GIP, che lascia molta amarezza, perché ancora una volta la verità appare lontana e impossibile da raggiungere, ma dalla quale emerge un aspetto interessante e, se vogliamo, anche positivo: resta in piedi l’inchiesta relativa ai nuovi ritrovamenti di rifiuti stoccati illegalmente nelle colline di  Pitelli.
I legali stanno ancora valutando se e come agire prossimamente, ma intanto Grondacci scrive che sarà necessario raccogliere tutte le informazioni sulla vicenda in un dossier da rendere pubblico, perché questa è una vicenda che non riguarda solo i cittadini spezzini, ma ha un’eco nazionale e anche internazionale, che arriva fino alle morti di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin.

Dove non arriva la Giustizia, può almeno arrivare l’informazione.

Il post originale: Note di Marco Grondacci

 

Advertisements
Annunci
Annunci