1945-2015, settantesimo anniversario della Liberazione: le iniziative del Comune della Spezia

LA SPEZIA – Prendono il via le iniziative organizzate dal Comune della Spezia e dal Comitato Provinciale Unitario della Resistenza per ricordare il Settantesimo anniversario della Liberazione.

Venerdì 24 aprile alle 20.30 è in programma la fiaccolata a Migliarina, con partenza da Largo Marcantone, posa della corona al Monumento ai Partigiani in Piazza Concordia e arrivo al Parco XXV aprile. La fiaccolata sarà accompagnata dalla banda musicale “Giacomo Puccini”. Interverranno Paolo Galantini, copresidente del Comitato Provinciale Unitario della Resistenza, Massimo Federici, Sindaco della Spezia, e Antonio Carro, Segretario provinciale della Cisl.

Sabato 25 aprile alle 9.30 è prevista una manifestazione al Monumento ai Caduti di piazzale del Marinaio; sarà poi deposta una corona alla lapide ai Partigiani in via Santorre di Santarosa. Alle 10 al Monumento alla Resistenza ai Giardini Pubblici, interverrà Giorgio Pagano, copresidente del Comitato Unitario della Resistenza.

Sempre sabato 25 aprile sarà inaugurata, alle ore 16 al Centro Allende, la mostra “In montagna per la libertà. Cimeli e ricordi della Resistenza spezzina”, curata dall’Associazione storico culturale Stella Tricolore e dall’Istituto spezzino per la Storia della Resistenza e dell’Età contemporanea. La mostra rimarrà aperta al pubblico fino a domenica 3 maggio, tutti i giorni dalle 17 alle 19. Insieme alla mostra verrà inaugurata la “Festa della Liberazione”: nove giorni di incontri, musica dal vivo, gastronomia, spettacoli teatrali che si terranno alla Pinetina e al Centro Allende.

Il programma di sabato 25 aprile prevede alle 16 il ballo liscio in compagnia dell’Orchestra Maritè. Dalle 18 apertura del punto ristoro fino alle 20.

Al Centro Allende alle 21.15 è in programma lo spettacolo teatrale“Cielo Amaranto. Spettacolo radiofonico di Resistenza“, tratto dal testo di Damiano Grondona e Michele Bedini. Gli attori Beatrice Cerri, Damiano Grondona, Davide Faggiani e Simone Ricciardi saranno impegnati in un radiodramma. La radio e il programma radiofonico diventano il tramite tra il racconto del passato e il dopoguerra, la storia e l’oggi, un modo per domandarci che cosa resta della Resistenza. La produzione è della Compagnia degli Scarti, Compagnia residente al Centro Giovanile Dialma Ruggiero.

Advertisements
Annunci
Annunci