La Casa della Legalità risponde al legale dei Fotia, Mammoliti

SAVONA– Ovviamente l’ampio spazio mediatico che gli è riservato (con motivazione che resta ignota) non gli basta ed allora in occasione dell’incontro di oggi a Savona, si è appreso che il Mammoliti Pino (esponente del PD e legale dei Fotia) ha scritto una “lettera aperta” (che viene indicato essere stata affissa con”manifesti” nel centro di Savona) che ripropone da un lato il tentativo di delegittimazione nei confronti del Presidente della Casa della Legalità (e che integrerà la querela per le precedenti uscite del Mammoliti e del Fotia Pietro), dall’altro deliri vari (come sulle “collusioni tra poteri dello Stato che condizionano il vivere civile“), per invitare il Presidente della Casa della Legalità ad un “confronto pubblico” con lui, legale dei Fotia.

Durante il dibattito alla Ubik, con Donatella Albano (Senatrice PD, componente Commissione Parlamentare Antimafia), Marco Grasso (giornalista de Il Secolo XIX ed autore del libro “A Meglia Parola – Liguria terra di ‘ndrangheta“) e Mario Molinari (giornalista, blog “Ninin“), il Presidente della Casa della Legalità ha già risposto, ribadendo concetti già ampiamente illustrati e pubblicati da tempo: “E’ inutile che cerchino di presentare la “questione Fotia” come una questione “privata” tra me e loro. La questione è invece tra i Fotia, soggetti legati alla ‘ndrangheta (e nello specifico alla cosca dei Morabito-Palamara-Bruzzaniti) da un lato, e lo STATO dall’altro… Il sottoscritto, con la Casa della Legalità, sta con lo STATO. Punto. Non ha quindi alcun senso di esistere, così come non ha nemmeno ragione di essere presa minimamente in considerazione, l’ipotesi di un “confronto” tra me con la Casa della Legalità da un lato ed il Mammoliti con o senza i Fotia dall’altro.”

Il tentativo di ridurre il fatto che i Fotia sono indicati (per risultanze plurime, univoche e convergenti) da tutti i Reparti Investigativi dello Stato (Guardia di Finanza, Polizia di Stato, Carabinieri e D.I.A.) quale nucleo insediato nel savonese saldamente legato alla cosca Morabito-Palamara-Bruzzaniti , ad una questione “privata“, una sorta di “guerra personale“, tra il Presidente della Casa della Legalità e loro, è davvero ridicola.
Le Informative che li riguardano, la loro storia tracciata da molteplici inchieste giudiziarie, le misure interdittive antimafia e (non ultimo) il sequestro delle imprese (PDF e SELENI) disposto a loro carico, come – per fare un ultimo esempio – il procedimento per l’adozione di misure di prevenzione patrimoniale e personale, palesano in modo inconfutabile che la questione è tutt’altro che “privata” tra loro e noi… ed ogni tentativo di far apparire la questione come “privata” ci troverà fermi nel respingerlo senza alcun tentennamento.
Il Presidente della Casa della Legalità, con la Casa della Legalità, ha promosso una serrata (e doverosa) informazione pubblica centrata sugli Atti ufficiali per indicare i Fotia per ciò che sono. Si è anche promossa un’attenta osservazione delle loro attività, con risultanze prodotte in molteplici formali Esposti e Denunce all’Autorità Giudiziaria ed altre Autorità dello Stato, così come si sono denunciate puntualmente le minacce e intimidazioni promosse nel tempo ai danni del Presidente della Casa della Legalità e di altri esponenti della Casa della Legalità o a questa vicini.
Quindi si può solo aggiungere un “dettaglio“: il Presidente della Casa della Legalità e la Casa della Legalità non promuovono o partecipano a “confronti” (pubblici o meno) con quanti si denunciano all’Autorità Giudiziaria, in quanto con questi ci si incontrerà nelle aule del Tribunale.

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.