Schiffini non paga gli stipendi: operai in sciopero da cinque giorni

LA SPEZIA– Da mesi sono senza stipendio e, dopo gli incontri con i vertici, ora hanno deciso di passare alle vie di fatto: sciopero e produzione bloccata. I dipendenti della Schiffini manifestano davanti al punto vendita di Via Chiodo. “Da 5 anni e mezzo ormai a periodi veniamo messi in cassa integrazione e non prendiamo lo stipendio con regolarità. Da cinque mesi, poi, non lo prendiamo proprio” così ci dice Daniele Viviani, delegato RSU. Operai e impiegati, in tutto 66 persone, sono ora in serie difficoltà economiche. Eppure, i soldi la Schiffini (apparentemente) li ha, perché inaugura show room in tutto il mondo, per esempio a Barcellona. Il prossimo sarà a Milano, martedì 14 aprile: gli operai, appoggiati dai sindacati, sono pronti a presentarsi lì, se non si risolverà la questione.

P4080041

Promesse gliene sono state fatte tante, ma i soldi non arrivano. L’azienda lavora soprattutto con l’estero, ormai gli ordini in Italia sono pochi. Dopo aver parlato varie volte con Schiffini, dopo le mobilitazioni che vanno avanti da cinque giorni, se non dovessero arrivare i soldi, si procederà con un’ingiunzione, ma, ci dicono gli operai, “speriamo di non dover arrivare a questo“.

Non sono solo i disoccupati, nel nostro Paese, a dover fare i conti con la mancanza di soldi, ma anche i lavoratori. Il caso della Schiffini è solo l’ultimo, in ordine cronologico, a essere balzato agli onori delle cronache. Sul quotidiano on-line Cronaca4 (link) sono riportate le dichiarazioni dell’azienda, che definisce “irrazionale” la protesta. Ma irrazionale dovrebbe essere considerato lavorare senza essere pagati. Scioperare e protestare sono diritti dei lavoratori. Come essere pagati.

[vsw id=”sVf05qjmJ5w” source=”youtube” width=”425″ height=”344″ autoplay=”no”]

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.