Due eventi sulla Sanità pubblica, lo stesso appello: “Cittadini, svegliatevi!”

LA SPEZIA– Due iniziative sulla Sanità in pochi giorni: giovedì 26 c’è stato l’incontro pubblico organizzato da Rifondazione Comunista all’Urban Center, mentre ieri a farsi sentire sono stati i cittadini sarzanesi. Le associazioni “Il mugugno sarzanese” e “Oltre il mugugno” hanno organizzato una lunga giornata di protesta e informazione, con un presidio mattutino e una vera e propria manifestazione al pomeriggio, raccogliendo oltre 200 firme contro i tagli alla Sanità.

I due eventi, diversi tra loro, suscitano ovviamente riflessioni simili e portano alla medesima conclusione: la Sanità ligure è completamente allo sfascio. Quella spezzina, in particolare, è la più flagellata da tagli e malapolitica. Perché il problema di fondo è sempre quello: pessima gestione politica. Sarzana ha un ospedale, costato moltissimo, che potrebbe funzionare e  che sta diventando una cattedrale nel deserto.
Le problematiche spezzine, dagli intasamenti del Pronto Soccorso, pesantemente denunciati dal primario, dottor Gianfranco Mazzotta, qualche giorno fa (audio ascoltabile qui), alle infinite promesse sull’ospedale del Felettino (di cui ancora non sono chiari i costi), sono ben note e il nostro giornale ne ha abbondantemente parlato.

Ci si aspetterebbe, da parte dei cittadini, una maggior indignazione e una maggior partecipazione. Invece molte, moltissime persone ieri passavano davanti al gazebo e nemmeno si fermavano a guardare. I media, le associazioni, le opposizioni politiche e gli operatori sanitari, stanchi e vessati,  possono fare molto, sollevando, approfondendo e denunciando ciò che non va, ma devono essere i cittadini a indignarsi, ad alzare la voce, a farsi sentire. L’articolo 32 della Costituzione dice che “La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti“. Ovunque si va verso una privatizzazione della Sanità e questo i cittadini non possono e non devono accettarlo.

L’appello che è emerso da entrambi gli eventi, quindi, è il seguente: “Svegliatevi, cittadini”.

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.