San Terenzo, parte il progetto “Cambiamo in Comune”

LERICI– Domani, sabato 27 marzo A San Terenzo C/O Bar Portiolo  alle ore 14.30 si terrà la 1° Tavola Rotonda pubblica del progetto “Cambiamo in Comune” in cui discuteremo dei metodi da utilizzarsi e delle modalità che intendiamo sperimentare per la costruzione di un nuovo ed innovativo progetto di territorio che disegni, raccogliendo dal basso le istanze delle varie frazioni, la Lerici del futuro.

Il progetto si definisce in due aspetti fondamentali:
– Affrontare le emergenze (dal riassetto fognario, alle nuove povertà, passando per la crisi economico-occupazionale, miglioramento ed efficientamento della ZTL, manutenzioni ecc)
– Incardinare processi di sviluppo durevole: dalla valorizzazione del mare (riassetto della Baia di Lerici, riqualificazione Marina di San Terenzo, servizi, gestione dei litorali ecc), agli strumenti dello sviluppo (razionalizzare ed efficientare le società partecipate con la fusione di Lerici Mare SRL e STL in un’unica società di gestione di catenarie, arenili e parcheggi) al recupero e valorizzazione dell’entroterra (piano contro il dissesto, cura del territorio, agricoltura, turismo escursionistico, ambiente) passando per il nuovo PUC che partirà dall’ottimo risultato della “Verifica di adeguatezza” che ha eliminato cemento e strumenti di speculazione e dallo “studio sul dissesto idrogeologico” già realizzato.

Questo sabato – dichiara Andrea Ornati, leader dell’organizzazione – inizieremo un tour che ci porterà in poche settimane a toccare tutte le frazioni del Comune per costruire insieme un progetto giovane, perché nel nostro Comune va costruita nuova classe dirigente, ma accompagnato dalle esperienze che sono per noi un patrimonio di conoscenza fondamentale. In questa prima fase daremo solo spunti: il programma vero e proprio nascerà dall’ascolto e dalla condivisione con la gente. Basta calare ricette dall’alto e soprattutto cambio radicale di un metodo verticistico che allontana le persone dalla politica e dall’attenzione alla loro Comunità. Partiamo da San Terenzo ma toccheremo tutte le frazioni le cui problematiche e potenzialità conosciamo bene per l’esperienza amministrativa accumulata in questi anni. Lerici, pur con tutti i problemi che ha, resta un luogo dalle infinite risorse e intendiamo lavorare, insieme a tutti quelli che hanno l’ambizione di scommettere su Lerici per dare la svolta necessaria.”

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.