Reddito di cittadinanza: la proposta di legge del MoVimento 5 Stelle

ROMA– Tra i punti salienti del programma del MoVimento 5 Stelle c’è il reddito di cittadinanza.
Come spiega Mario Seminerio su Phastidio.it., la proposta verte sulla erogazione di una integrazione monetaria che permetta ai cittadini di raggiungere un reddito mensile almeno pari al 60% del reddito mediano equivalente familiare, soglia al di sotto della quale si colloca il rischio di povertà secondo l’indicatore della Ue. Oggi, tale reddito mensile è pari a 780 euro per persona singola. Ai nuclei familiari verrebbero applicati dei coefficienti di equivalenza. La contropartita di questa erogazione, per i soggetti in età lavorativa, è data dall’obbligo di “effettuare ricerca attiva del lavoro per due ore giornaliere, frequentare dei percorsi di istruzione, formazione o riqualificazione che gli consentano di passare da un settore produttivo a un altro seguendo le sue competenze, di effettuare non più di 8 ore settimanali di volontariato per aiutare la comunità e di accettare il lavoro proposto dai Centri per l’Impiego”. I cittadini non possono rifiutare più di tre proposte di collocamento giudicate per essi idonee.

Ma c’è la copertura finanziaria? Il M5S dice di sì, ma Seminerio avanza dei dubbi. I senatori e deputati pentastellati hanno chiesto aiuto anche all’Associazione Antimafia Libera, che lo scorso ottobre l’aveva indicata tra le priorità.

Il testo della legge: slideshare.net

Mario Seminerio: www.phastidio.net

M5s chiede aiuto a Libera: www.ilfattoquotidiano.it

 

 

 

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.