Il Felettino sarà pronto nel 2020. Così assicura la ASL5.

LA SPEZIA- Ieri, mercoledì 11 marzo, si è riunita la Commissione che segue l’iter relativo alla realizzazione del Nuovo Ospedale presieduta da Luigi De Luca del Nuovo Centro Destra che ha visto la presenza della Dottoressa Canini dell’Asl 5 e dell’Ingegner Buccheri. Spiega il Presidente della Commissione: “ è stata svolta una puntuale relazione sul programma dei lavori e sui tempi tecnici di avvio dei lavori che devono passare necessariamente dallo svuotamento del vecchio Felettino. Dalla relazione è emerso che con l’aggiudicazione definitiva, che dovrebbe avvenire a breve giro di boa, e con lo svuotamento definitivo del Felettino previsto per settembre, dovrebbero partire i lavori di abbattimento della vecchia struttura, prima fase dei lavori, per poi passare alla 2° fase che è quella relativa alla realizzazione del Nuovo Ospedale, con termine lavori previsti, se verrà rispettata la tabella di marcia, nel 2020”.

Diverse le domande dei commissari – continua a spiegare De Lucaanche rispetto al raggruppamento di aziende, unico gruppo che ha partecipato al bando, per capire la solidità finanziaria delle società, e quindi dell’intera operazione, che dovranno portare a termine questa importante opera, solidità che a detta della Dottoressa Canini dovrebbe esserci vista la portata nazionale della Pessina Costruzioni leader nel settore a livello internazionale. L’offerta è stata rilevata congrua dalla commissione che ha valutato la domanda di attribuzione della gara divisa in due parti una relativa alla demolizione e realizzazione del nuovo ospedale con un ribasso dello 0,01% e l’altra parte quella relativa al Sant’Andrea, che verrà acquisito, con un’offerta al rialzo dello 0,3% rispetto alla base d’asta”.

Quindi ad oggi ci dovrebbero essere le condizioni affinché si proceda alla realizzazione del Nuovo Ospedale. Ma durante il dibattito sono emerse alcune criticità, la prima e la più importante è quella relativa all’Hospice di Via Fontevivo, rispetto al quale per approfondimenti è richiesta una seduta congiunta, da convocarsi a brevissimo, della commissione sanità e di quella del Nuovo Ospedale per capire se le preoccupazioni relativamente all’attivazione dell’ Hospice della Spezia sono fondate. Comunque la commissione ha il compito di continuare a monitorare e questo verrà fatto soprattutto in questa fase così delicata che ci deve vedere impegnati nelle procedure di avvio dei lavori affinché tutto si svolga nel migliore dei modi perché non sono tollerabili altri ritardi. Stiamo parlando di un’opera che è di vitale importanza per la Città e per tutta la provincia, bisogna cercare di raggiungere il risultato e per farlo è necessario che tutti si impegnino in un’unica direzione: realizzare in tempi certi e brevi il Nuovo Ospedale del Felettino”, conclude Luigi De Luca.

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.