Presidio a favore della Grecia lunedì 9 alle 17:30

LA SPEZIA– Lunedì 9 febbraio alle ore 17.30, davanti alla Banca d’Italia (Via S. Antonio n. 19 – La Spezia) Rifondazione Comunista, Sinistra Ecologia e Libertà, L’Altra Liguria- La Spezia e il Partito Comunista d’Italia invitano tutti i cittadini, tutte le forze politiche e sociali a scendere in piazza per protestare contro il taglio di liquidità alla Grecia, che rischia di portarla al default, e che creerebbe un drammatico precedente teso ad estirpare, sin dal principio, ogni tipo di dissenso nei confronti di chi si ribella alle politiche di austerity.
Ovviamente il premier italiano Matteo Renzi, due giorni fa grande sostenitore di Tsipras e del suo Governo, si è già sdraiato sulla posizione espressa da Mario Draghi, affermando come la decisione della Bce sia legittima ed opportuna.
E’ importantissimo far sentire, in questi giorni, la voce dei cittadini europei a favore delle posizioni del legittimo e democratico Governo greco che si sta battendo per una revisione del debito. Un debito che è nato privato ed è diventato “pubblico” solo per salvare banche e istituzioni finanziarie (nord europee) che hanno speculato e giocato col fuoco dei derivati.
La battaglia della Grecia è la battaglia di tutti i cittadini europei contro le elites nazionali e internazionali che, negli anni della crisi, si sono arricchiti oltre ogni limite a danno dei lavoratori, dei precari e disoccupati. Salvare la Grecia vuole dire salvare l’Europa e in particolare i paesi in difficoltà come il nostro sul fronte del debito
L’Europa avrà un futuro solo se sarà ripristinato un equilibrio sostenibile tra paesi del nord e paesi del sud, solo se la ricchezza sarà ridistribuita all’interno dei singoli paesi, solo se le istituzioni finanziarie torneranno a rispondere ai governi democratici.

Advertisements
Annunci
Annunci

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.